Fritz Koenig 1924-2017 Retrospettiva

Avete tempo fino al 18 ottobre per godervi, o imparare a conoscere, l’arte di Fritz Koenig, uno tra i più importanti scultori del ventesimo secolo. Dove? Alla mostra Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva Firenze sia al Giardino di Boboli (per info cliccare qui), dove potrete ammirare le sue sculture più imponenti, sia alla Galleria degli Uffizi dove vengono esposte piccole sculture e disegni dell’artista.

Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva

Fritz Koenig Große Mona III Grande Mona III, 1977/1978 bronzo Fondazione Fritz e Maria Koenig 
uffizi.it

The Sphere

Koenig è conosciuto soprattutto per la sua opera principale la Sfera Cariatide. Posizionata nel 1971 all’Austin J. Tobin Plaza (proprio sotto le Torri Gemelle), la Sfera di bronzo era il simbolo della pace mondiale. Fu in parte danneggiata durante il terribile attacco alle Torri Gemelle, ma sopravvisse diventando così simbolo di una città che è riuscita a rialzarsi nonostante le ferite.

Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva

Fritz Koenig. Kugelkaryatide N.Y. Cariatide sferica V N.Y., 1968 bronzo Fondazione Fritz e Maria Koenig
uffizi.it

Tuttavia non sono da trascurare le opere “minori” di Koenig esposte alla Galleria degli Uffizi.

La mostra

La mostra Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva è una mostra monografica, ed è la più grande dedicata all’artista tedesco e la prima dopo la sua morte, avvenuta il 22 febbraio 2017 all’età di 93 anni.

Negli spazi espositivi vengono mostrate molte opere di Koenig. Dai primi lavori fino alle opere degli ultimi 40 anni raccontando così la sua vita da artista, dalla giovinezza alla maturità.

Il materiale usato per le sue opere è principalmente il metallo che viene sapientemente modellato realizzando figure stilizzate, ma che proprio per questo riescono ad esprimere concetti universali quali l’amore, la solitudine e l’orrore.

Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva
Fritz Koenig Olocausto, 1994, inchiostro di china, collezione privata
uffizi.it

È incredibile infatti come nelle sue opere Koenig riesca con poche linee e forme a catapultarci nella tragedia dell’Olocausto o nella tenerezza di un abbraccio di due amanti.

Fritz Koenig 1924 – 2017 Retrospettiva
uffizi.it

Un’arte essenziale che prende ispirazione dell’arte africana di cui l’autore ne era collezionista.

I temi

Molti sono i temi importanti per l’artista. L’Olocausto (autore anche del Memoriale tedesco al campo di concentramento di Mauthausen, 1983), l’amore di coppia, la solitudine e non meno importanti i cavalli, sua grande passione tanto da esprimere nelle sue opere tutta la simbiosi tra destriero e cavaliere.

Fritz Koening
firenze1903.it

A questo proposito proprio nel Giardino di Boboli è stata allestita la mostra A cavallo del tempo che approfondisce il legame che si è instaurato tra cavallo e cavaliere nel corso dei secoli.

In tutte le opere di Koenig è racchiusa la sua storia personale: l’orrore della guerra vissuta in prima persona, il suo rapporto con l’affettività fino al suo problema di deambulazione. Una mostra che racconta un artista straordinario dove le sue opere trovano giustizia in uno dei giardini più belli d’Italia.

Immagine di copertina: alaintruong.com

Related Post

Condividi:

Azzurra Bergamo

Classe 1991. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo. Naturalizzata veronese, sogna un mondo dove la percentuale dei lettori tocchi il 99%.