Le migliori serie tv del 2017, secondo noi

Le serie tv sono il futuro, destinate a soppiantare i film? Forse è presto per azzardare una risposta, ma di certo c’è che il 2017 è stato l’anno della consacrazione dei telefilm, con un’esplosione della visione in streaming anche grazie a operatori quali Netflix che hanno giocato un ruolo determinante nella loro diffusione. Ecco allora la classifica delle 10 migliori serie tv del 2017 secondo la nostra Redazione Cinema. Siete d’accordo con noi?

1) Gomorra 3

Regia di Claudio Cupellini e Francesca Comencini, con Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Cristina Donadio, Cristiana Dall’Anna

Chi l’avrebbe mai detto che una serie tv italiana, in cui si parla solo dialetto napoletano, potesse diventare un fenomeno mondiale? La terza stagione di Gomorra – prodotta da Sky, Cattleya e Fandango – non tradisce le grandi aspettative che vi erano state riposte. Atmosfere rarefatte, dialoghi essenziali e mai banali, regia e fotografia di respiro internazionale. E la storia? Un finale di stagione a sorpresa carico di pathos, degno di una tragedia classica. Indubbiamente la migliore serie tv dell’anno. (M.C.)

Set di “Gomorra 3”, regia di Francesca Comencini. Nella foto Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Arturo Muselli e Loris De Luna. Foto di Gianni Fiorito

2) Stranger Things 2

Creata da Matt e Ross Duffer, con Millie Bobby Brown, Finn Wolfhard, Winona Ryder, David Harbour

Una delle serie tv più attese di quest’anno: Stranger Things 2. Continuano le avventure dei ragazzi che hanno conquistato tutti nella prima stagione con l’aggiunta di nuovi amici e nuovi nemici, nuovi amori e nuove incomprensioni. Ormai adolescenti, Mike, Lucas, Dustin, Will e un’arrabbiatissima Undici devono scontarsi nuovamente con le creature del Sottosopra. (A.B.)

Fonte: rds.it

3) The Crown 2

Regia di Stephen Daldry, Philip Martin, Julian Jarrold e Benjamin Caron, con Claire Foy, Matt Smith, John Lithgow, Greg Wise, Vanessa Kirby, Daniel Betts

Realizzata per Netflix da Peter Morgan, la seconda stagione di The Crown, serie storico-drammatica, è stata accolta positivamente dalla critica e dal pubblico tanto che, l’8 dicembre, è uscita la seconda stagione. Incentrata sulla vita della regina Elisabetta II e la sua corte, la nuova serie abbraccia molti fatti storici noti: dallo scoppio della crisi di Suez del 1956 fino al 1964. (A.B)

Fonte: redcapes.it

4) 13 Reasons Why

Da un’idea di Brian Yorkey, con Katherine Langford, Dylan Minnette, Christian Navarro, Alisha Boe, Brandon Flynn, Justin Prentice, Miles Heizer

Chi pensa che 13 Reasons Why sia la tipica americanata sui drammi adolescenziali di una ragazzina di buona famiglia deve presto ricredersi. Anna Baker – la protagonista che racconta in 13 audiocassette le ragioni che l’hanno portata al suicidio – pone dei temi che fanno riflettere anche il più cinico degli spettatori. Ma soprattutto spiega cosa realmente siano bullismo e violenza nella nostra società, senza retoriche ma con un pugno dritto nello stomaco. (M.C.)

5) Suburra

Regia di Michele Placido, Andrea Molaioli, Giuseppe Capotondi, con Francesco Acquaroli, Alessandro Borghi, Adamo Dionisi, Giacomo Ferrara, Claudia Gerini

Prequel dell’omonimo film del 2015, Suburra (prima produzione originale di Netflix in Italia) prende spunto dalle vicende di Mafia Capitale per restituire allo spettatore un crudo spaccato degli intrecci tra politica, Chiesa e malavita in una Roma senza speranze di redenzione. Ritmo narrativo incalzante e puntuale per un prodotto sicuramente di alto livello. (M.C.)

Fonte: Youtube

6) Bojack Horseman 4

Creata da Raphael Bob-Waksberg, charadesign di Cody Walzel, Phylicia Fuentes, Lotan Kritchman, Jonas Walden, Katherine Clark

Quest’anno Netflix ha presentato la quarta stagione di Bojack Horseman, la serie animata in cui animali antropomorfi e umani convivono normalmente. In questa stagione vediamo come proseguono le vite dei personaggi che abbiamo amato e odiato nelle scorse stagioni. Tra presente e passato scopriremo molte sconcertanti verità che lasceranno lo spettatore sgomento. (A.B.)

Fonte: avclub.com

7) Game of Thrones 7

Una produzione Hbo, con Peter Dinklage, Nikolaj Coster-Waldau, Lena Headey, Emilia Clarke, Kit Harington

Penultima stagione di Trono di Spade. La serie di quest’anno prepara alla guerra decisiva contro gli Estranei che finalmente vengono visti da tutti come un pericolo incombente. Punto forte della stagione è sicuramente il finale che getta nuova luce sulle vere origini di John Snow. Non mancano draghi, complotti e la violenza che contraddistingue una delle serie più amate al mondo. (A.B.)

Fonte: www.game-of-thrones-7.us

8) The OA

Regia di Zal Batmanglij, con Brit Marling, Emory Cohen, Scott Wilson, Phyllis Smith, Alice Krige, Patrick Gibson, Brendan Meyer

Scritta da Brit Marling, che allo stesso tempo interpreta la protagonista Prairie, The OA è stata una delle serie più discusse del 2017. Mescolando elementi esoterici e mettendo lo spettatore di fronte a situazioni spiegabili sia razionalmente che irrazionalmente, la serie ha suscitato discussioni tra i fan, che non vedono l’ora del sequel per sbrogliare la matassa di temi e domande sollevate dalla prima stagione. (G.M.)

Fonte: complex.com

9) Atypical

Regia di Seth Gordon, con Jennifer Jason Leigh, Keir Gilchrist, Brigette Lundy-Paine, Amy Okuda, Michael Rapaport

Atypical è una serie tv Netflix diretta da Seth Gordon in cui vengono raccontate le (dis)avventure di Sam Gardner, diciottenne autistico con il chiodo fisso per i pinguini e il sogno di diventare più indipendente. La serie presenta un tema complesso come l’autismo al grande pubblico, alternando momenti di riflessione a spunti più leggeri e divertenti, senza risultare però superficiale o scontato. (D.F.)

Fonte: scriptmag.com

10) Chiamatemi Anna

Da un’idea di Moira Walley-Beckett, con Amybeth McNulty, Geraldine James, R.H. Thomson, Lucas Jade Zumann, Dalila Bela

Torna la bambina dai capelli rossi che molti hanno amato durante l’infanzia: Anna. Chiamatemi Anna racconta la storia dell’orfanella dalla fervida immaginazione che fatica ad inserirsi nella sua nuova vita con la famiglia adottiva. Continui terribili flashback giustificano il carattere emotivo di Anna rendendola così più “umana” rispetto al cartone animato. (A.B.)

Fonte: cinematographe.it

 

Classifica realizzata da Azzurra Bergamo, Michele Castelnovo, Dalila Forni, Giulia Malighetti.

 

Condividi:

Redazione

In redazione: Michele Castelnovo, Ginevra Amadio, Yuri Cascasi, Dalila Forni, Francesca Leali, Camilla Volpe.