L’eros raccontato dalla Bic di Juan Francisco Casas

Juan Francisco Casas, classe 1976, è sicuramente uno degli artisti più originali della nostra epoca. Spagnolo di sangue, cresce scattando fotografie e facendo ritratti utilizzando semplicemente una penna. Comincia quasi per scherno a unire le sue due passioni, «prendendomi gioco dell’arte strettamente accademica per la tradizionalità dei temi e la ritualità dei materiali» dice.

Inizialmente i suoi modelli sono gli amici, che coglie in pose buffe o che si offrono alla sua fotocamera; quando acquista sicurezza e maturità, però, Casas comincia a rappresentare quello proprio un accademico chiamerebbe il vero: situazioni intime, nudi, semplici espressioni. «È la contro-arte dice quella che si fa con una penna da venti centesimi».

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”19″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

 

Avatar
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.