Portonovo | Estate italiana

Portonovo non si può considerare un centro abitato: secondo l’ISTAT, ufficialmente conta un solo abitante. Come definire Portonovo? Portonovo è una baia che è rimasta com’era, una candida insenatura alle pendici del Monte Conero (Ancona) che incontra il mare azzurro, immersa e protetta da una selvatica macchia mediterranea che la avvolge nascondendo il suo segreto.

Dimenticate le spiagge di sabbia fine in cui affondare i piedi: costellato di rupi e di scogliere, l’arenile di Portonovo, formatosi da una frana del Pian Grande in epoca remota, risplende dei bianchi ciottoli di pietra del Conero e alcune cale sono per questo raggiungibili solo a nuoto o percorrendo scoscesi tratti a piedi.

L’aspetto ancora incontaminato fa di Portonovo la “Perla dell’Adriatico” che immersa nel Parco regionale del Conero, è oggi una zona protetta, bandiera blu dal 2010, dove si pratica la coltivazione del mosciolo selvatico (un tipo di cozza), diventato presidio Slowfood.

La natura qui va di pari passo con un patrimonio artistico di grande rilievo che impreziosisce la contrada marchigiana.

La Chiesa di Santa Maria di Portonovo si erge su un lembo di terra a picco sul mare ed è un raro esempio di romanico marchigiano, a cinque navate con cupola ottagonale d’ispirazione bizantina in pietra bianca costruita dai benedettini dopo il 1034.  La chiesa conserva al suo interno l’icona ortodossa della Theotokos di Vladimir di cui parla anche il regista russo Tarkovskij nei suoi diari.

Piu tarda è la Torre Clementina, eretta nel 1716 da Papa Clemente XI per sorvegliare la costa e gli attacchi dei pirati. La torre viene poi acquistata dal poeta Adolfo De Bosis diventando un luogo di ritrovo per intellettuali e scrittori, tra cui anche Gabriele D’Annunzio.

La costa di Portonovo è stata per secoli meta di incursione di pirati e avventurieri per la preziosa sorgente di acqua potabile che sgorgava dalla Fonte di Portonovo. Per questa ragione, nel 1810, durante il Regno d’Italia di Napoleone, fu fatto costruire l’imponente Fortino Napoleonico per impedire lo sbarco di navi nemiche o straniere.  

fonte: www.baiadiportonovo.it

Abbiamo deciso di dedicare il mese di agosto alle bellezze culturali del nostro Paese in un ideale viaggio in Italia di cui i collaboratori di Frammenti Rivista hanno curato le tappe. Abbiamo chiesto a chi scrive per noi di condividere un luogo, un borgo, una città, un quartiere, un posto del cuore e grazie al contributo di tutti abbiamo ricavato un articolato mosaico di tesori artistici, urbani e naturali che parla un po’ di noi e che accompagna il lettore nel nostro viaggio attraverso la penisola, nell’Italia vista da Frammenti.

Qui tutti gli articoli della nuova rubrica Estate italiana

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

* * *

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Iscriviti!

Valentina Cognini
Condividi: