fbpx
Placeholder Photo

Cannes, trionfa Audiard con “Dheepan”
Italia senza premi

2 minuti di lettura

Il vincitore della Palma d’oro del 68° Festival di Cannes è il francese Jacques Audiard, regista del drammatico Dheepan, storia di un ex soldato, di una donna e di una bambina in fuga dalla guerra in Sri Lanka.

La giuria, presieduta dai fratelli Coen, ha scelto di premiare questa struggente e solida pellicola che porta in scena il viaggio difficile da un Paese devastato dalla guerra all’Europa, terra promessa di speranze.

Ad aggiudicarsi il Gran Prix è stato invece l’ungherese Làszlò Nemes con Il figlio di Saul, pellicola cruda sull’inferno di un lager nazista.
Premio per la miglior regia va al grande maestro del cinema orientale Hou Hsiao-Hsien, in concorso con Nie Yinniang.
Nella mani del greco Yorgos Lanthimose del suo The Lobster finisce il Prix du Jury e mentre a Chronic del messicano Michel Franco va ilpremio alla sceneggiatura.

Per quanto riguarda i premi agli attori, è ancora la Francia a gioire con Vincent Lindon, 55 anni e protagonista La Loi du Marché di Stéphane Brizé ed Emmanuelle Bercot per la sua interpretazione in Mon Roi.
Premio, quest’ultimo, condiviso con Rooney Mara cooprotagonista con Cate Blanchett di Carol di Todd Haynes.
Infine, il riconoscimento per il miglior cortometraggio è stato assegnato a Wave 98 di Ely Dagher.

Niente da fare per l’Italia, rimasta fuori da tutti i premi nonostante i lunghi applausi ricevuti da Moretti e il successo delle pellicole di Garrone e Sorrentino.
La “motivazione” dei fratelli Coen? «Non avevamo premi per tutti».

G.A.

 

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.