fbpx

Chi siamo

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell’associazione culturale “Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d’oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Testata giornalistica telematica iscritta nel Registro Giornali e Periodici presso il Tribunale civile e penale di Lecco al n. 4/2020, con disposizione del 13/07/2020, ai sensi della legge 8.2.1948 n.47 e successivamente modificata e integrata dalla legge 7.3.2001 n.62.

Vuoi collaborare con Frammenti, o hai un articolo che ci vorresti sottoporre? Scrivici a info[at]frammentirivista.it.

N.B. Le collaborazioni con FR avvengono a titolo gratuito.

Editore

Associazione culturale
Il fascino degli intellettuali
Viale Turati 80 c/o Castelnovo, 23900 Lecco
C.F. 92072140137
www.fascinointellettuali.it

Mail: info[at]frammentirivista.it


Direttore responsabile

Michele Castelnovo

direttore[at]frammentirivista.it

Classe 1992. Nato e cresciuto tra Lecco e provincia. Toglietemi tutto ma non le mie montagne e il mio lago. Laureato in Filosofia. Giornalista pubblicista. Direttore di Frammenti Rivista. Mi prendo terribilmente poco sul serio.


Caporedattori

Alessandro Cavaggioni

Cinema – NPC Magazine
a.cavaggioni[at]npcmagazine.it

Studente DAMS classe 1998. Innamorato del Cinema, di Bologna e di qualunque cosa ben narrata. Infiammato da passioni passeggere e idee irrealizzabili. Teorie e Filosofie del Cinema come sogno di carriera, Critico come speranza di una vita. Mai passatista, ma sempre malinconico al pensiero di Venezia75. Perché il primo Festival non si scorda mai.


Francesca Cerutti

Letteratura
f.cerutti[at]frammentirivista.it

Classe 1997, laureata in Lingue per l’impresa e specializzata in Traduzione. Sempre alla ricerca di storie che meritino di essere raccontate. Nel 2020 è stato pubblicato il suo romanzo d’esordio, «Noi quattro nel mondo».


Valentina Cognini

Arte
v.cogmnini[at]frammentirivista.it

Nata a Verona 23 anni fa, nostalgica e ancorata alle sue radici marchigiane, si è laureata in Conservazione dei beni culturali a Venezia. Tornata a Parigi per specializzarsi in Museologia all’Ecole du Louvre, si specializza in storia e conservazione del costume a New York. Fa la pace con il mondo quando va a cavallo e quando disquisisce con il suo cane.


Giovanni Fava

Filosofia
g.fava[at]frammentirivista.it

23 anni, studio Filosofia a Bologna. Perlopiù passeggio in montagna o bevo birra o le due cose assieme.


Dalila Forni

Eros
d.forni[at]frammentirivista.it

Studentessa di Lingue e Letterature Europee ed Extraeuropee a Milano. Vivo di letteratura, pastasciutta e buona birra.


Agnese Zappalà

Attualità
a.zappala[at]frammentirivista.it

Classe 1993, brianzola di origini siciliane. 
Ho studiato musica classica e scienze politiche. 
Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping (esagerato). Per Frammenti Rivista mi occupo di Politica e Attualità.


Autori

Davide Accardi


Classe ’92, ha conseguito la laurea specialistica in Studi storici, antropologici e geografici presso l’Università di Palermo discutendo una tesi dal titolo L’identità nazionale nei territori di confine. I suoi campi di ricerca comprendono, inoltre, temi di biopolitica come lo Stato d’eccezione. Scrive e si interessa di cinema, in particolare sulla relazione tra spazi e vuoti in Antonioni e sull’influenza della psicanalisi in Kaufman.


Giuseppe Vito Ales

Classe 1993. Cresciuto tra le montagne di Piana degli Albanesi, sono un Arbëresh di Sicilia profondamente europeo. Ho studiato economia, relazioni internazionali ed affari europei tra Trento, Strasburgo, Bologna e Bruxelles per approdare infine a Roma. Tra le grandi passioni, la politica, l’economia internazionale e i viaggi preferibilmente con uno zaino sulle spalle e tanta voglia di camminare. Credo che nel mondo ognuno di noi possa contribuire al miglioramento della collettività in modo singolare e specifico, proprio per questo non mi sta particolarmente simpatico chi parla per frasi fatte o per sentito dire e chi ha la malsana abitudine di parlare citando pensieri e parole d’altri. Siate creativi, ditelo a parole vostre!


Ginevra Amadio

Umanista convinta, ama la letteratura, il cinema e la scrittura intesa come mezzo per diffondere liberamente il proprio pensiero.


Silvia Argento

Nata ad Agrigento nel 1997, ha conseguito una laurea triennale in Lettere Moderne e una magistrale in Filologia Moderna e Italianistica. È una tuttofare nell’ambito della letteratura e scrittura: docente di letteratura italiana e latina, scrittrice e redattrice per vari siti di divulgazione culturale e critica musicale. Svolge anche il ruolo di editor e copywriter.  È autrice di un saggio su Oscar Wilde e della raccolta di racconti «Dipinti, brevi storie di fragilità». Come dice il suo autore preferito, la vita è una cosa troppo seria per essere presa sul serio e quindi attenzione: può contenere sarcasmo. 


Azzurra Bergamo

Classe 1991. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo. Naturalizzata veronese, sogna un mondo dove la percentuale dei lettori tocchi il 99%.


Teresa Bonandi

Sono una studentessa di Lettere Moderne all’Università Cattolica di Milano, amo l’arte, la moda e gli aperitivi con gli amici. Estremamente ipercritica verso me stessa e determinata a portare a termine i miei progetti, sempre con un occhio di riguardo alle nuove tendenze, da vera fashion victim.


Mattia Brambilla

Sono laureando in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano; amo il pensiero e le lettere, scrivo e mi diletto con gli scacchi.


Francesca Campanini

Classe 1999. Bresciana di nascita ma viaggiatrice per vocazione, studentessa di Filosofia a Padova ed appassionata di politica e attualità. Aspirante giornalista: sogna di spendere la vita scrivendo per cercare di capire e raccontare il mondo. 


Sara Campisi

23 anni. La mia vita è un pendolo che oscilla tra la Filosofia e la perdita di diottrie.


Giacomo Cavaliere

Giacomo Cavaliere è nato a Torino il 16 luglio 1995 ed è studente della facoltà di Storia presso l’Università Statale di Milano. In passato si è occupato di esposizioni collettive e personali d’arte contemporanea, sia in qualità di curatore e organizzatore che di autore di critiche e recensioni per conto di artisti, spazi espositivi e gallerie. Attività che continua tutt’oggi a svolgere, principalmente tra Novara, Milano e Torino. Oggi è autore di racconti di vario genere e tematiche, segnati da continue interazioni tra eventi realmente accaduti e personaggi di finzione o viceversa, manipolandoli in scenari di “contro-fattualità”. Alcuni racconti sono apparsi su l’inquieto, Bomarscé Malgrado le mosche e Sulla quarta corda, altri tre dovrebbero essere di prossima pubblicazione su altrettante riviste.


Michele Corti

Nato a Lecco nel 1996, studente di Scienze Politiche. Amo la montagna in ogni sua veste, il vento in faccia in bicicletta, la musica e provo a destreggiarmi nella politica internazionale, cosa fortunatamente più semplice rispetto a quella italiana.


Anastasia Ciocca

Instancabile sognatrice dal 1995, dopo il soggiorno universitario triennale nella Capitale, termina gli studi filosofici a Milano, dove vive la passione per il teatro, sperimentandone le infinite possibilità: spettatrice per diletto, critica all’occasione, autrice come aspirazione presente e futura.


Antonella D’Eri Viesti

Classe 1990, millennial, scrittrice per passione e content writer/ blogger per mestiere. La verità sta negli interstizi, nei margini e sui lati oscuri. Tanti fiori, Nutella e caffè.


Lorenzo De Benedictis

23 anni, da Siracusa. Da ingegnere fallito a studioso di filosofia incallito il passo è breve. L’unica cosa certa è che invecchierò pescando in un’isola greca sperduta.


Sofia Di Gravio

Classe 99, laureata in filosofia alla Sapienza e volata a Parigi per studiare la filosofia dell’arte. Amante della cultura e della vita… specialmente quando ci regalano una chiacchierata davanti ad un bicchiere di vino! 


Maria Ducoli

21 anni, bresciana, studentessa di Lingue, civiltà e scienze del linguaggio a Venezia. Dice di voler diventare una giornalista o un’insegnante. O entrambe le cose.


Chiara Esposito

Sono di Napoli, laureata in Archeologia, Storia dell’arte e Scienze del patrimonio culturale. Sono giornalista pubblicista, mi piace scrivere e ho tanta voglia di farlo.


Francesca Fenaroli

Classe 1997, laureata in Scienze dei Beni Culturali e studentessa di Editoria a Milano. Mi occupo, tra le altre cose, di intrattenimento, cultura popolare e narrativa di genere. Umberto Eco sarebbe fiero di me, o almeno così mi piace pensare.


Eleonora Fioletti

Classe 1993. Nata tra le nebbie della Pianura bresciana, ma con la testa tra le cime delle montagne. Laureata presso l’Università Cattolica di Brescia, in Filologia Moderna, con una predilezione per l’esegesi delle fonti storiche medievali. Nel tempo libero colleziona auricolari annodati, segnalibri improbabili, eterni esprit de l’escalier, citazioni nerd e disneyane.


Ester Franzin

Lettrice incallita, amante della letteratura e della lingua italiana in tutte le sue declinazioni. Classe 1989, è nata in un paesino della Pianura Padana. Si è laureata in Storia dell’Arte a Venezia e poi si è trasferita a Rimini, nel cuore della Romagna. Ha frequentato la scuola Holden di Torino e pubblicato il suo primo romanzo «Il bagno di mezzanotte».


Lorenzo Gafforini

Classe 1996. Nel 2020 si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Brescia. Ha pubblicato cinque raccolte di poesie e due racconti.


Anna Maria Giano

Classe 1993, nata e cresciuta a Milano. Da sempre innamorata di lettura e scrittura, mi sono laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Università degli Studi di Milano, e ho conseguito un Master in Letterature Comparate al Trinity College di Dublino. Editor presso Vogue Italia, contributor per Esquire e Vanity Fair, ho trasformato la mia passione per la scrittura e per la bellezza in un lavoro, dedicandomici sempre con grinta e determinazione.


Marialuce Giardini

Diplomata al liceo classico, decide che la sua strada sarà fare teatro, in qualsiasi forma e modo le sarà possibile. Segue corsi di regia e laboratori di recitazione tra Milano e Monza. Ora studia Scienze dei Beni Culturali all’università Statale di Milano.


Mattia Giordano

Classe ’95, milanese, laurea magistrale in Psicologia, appassionato di psicoanalisi, filosofia, teoria critica, letteratura per lo più italiana e francese. Anche di cinema e teatro, perché ci sono, e ci saranno sempre, film e spettacoli belli. Musicista e scrittore a tempo perso, si spera un giorno a tempo pieno. Ha fatto un po’ di tutto, quindi, probabilmente, niente. 


Gianluca Grimaldi

Napoletano di nascita, milanese d’adozione, mi occupo prevalentemente di cinema e letteratura. Laureato in giurisprudenza, amo viaggiare e annotare, ovunque sia, i dettagli che mi restano impressi.


Vladislav Karaneuski

Classe 1999. Studente di Lettere all’Università degli studi di Milano. Amo la letteratura, il cinema e la scrittura, che mi dà la possibilità di esprimere i silenzi, i sentimenti. Insomma, quel profondo a cui la parola orale non può arrivare.


Giulia Lamponi

Giulia, Bologna, studentessa di Lettere Moderne, amante della letteratura, aspirante giornalista. Ogni tanto scrivo, ma più che altro penso.


Greta Mezzalira

Classe 1995, laureata in Lettere. Appassionata di teatro fin dalla prima visione di “Sogno di una notte di mezza estate” durante una gita scolastica, amante di musical e di letteratura.
“Insomma, voglio fare lo scrittore!” 


Giusy Nardulli

Nasce nel 1993 a Gravina in Puglia. Dopo la laurea in filosofia, lavora con i bambini del cui mondo si innamora insieme ai libri, le illustrazioni, le domeniche pomeriggio a scoprire “nonluoghi” con i suoi amici e i riti delle tisane.


Lorena Nasi

Grafica pubblicitaria da 20 anni per un incidente di percorso, illustratrice autodidatta, malata di fotografia, infima microstocker, maniaca compulsiva della scrittura. Sta cercando ancora di capire quale cosa le riesca peggio. Ama la cultura e l’arte in tutte le sue forme e tenta continuamente di contagiare il prossimo con questa follia.


Alberto Paolo Palumbo

Laurea triennale in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Milano con tesi in letteratura tedesca e attualmente frequentante la magistrale in Lingue e Letterature Europee ed Extraeuropee con percorso bilingue in inglese e tedesco. Sente suo quello che lo scrittore Premio Campiello Carmine Abate definisce “vivere per addizione”. Nato nella provincia di Milano, figlio di genitori meridionali e amante delle lingue e delle letterature straniere: tutto questo lo rende una persona che vive più mondi e più culture, e che vuole conoscere e indagare sempre più. In poche parole: una persona ricca di sguardi e prospettive. Crede fortemente nel fatto che la letteratura debba non solo costruire ponti per raggiungere e unire le persone, permettendo di acquisire nuovi sguardi sulla realtà, ma anche aiutare ad avere consapevolezza della propria persona e della realtà che la circonda.


Lorenzo Pampanini

24 anni, laureando alla Magistrale di Filosofia all’Università La Sapienza di Roma.


Andrea Potossi

Classe 2004 ma non fatevi ingannare: il mio più grande difetto (e pregio) è quello di essere vecchio dentro. Leggo, studio, suono, scrivo, faccio cose, vedo gente. Vivo a Treviso.


Ilaria Raggi

20 anni, studentessa di scienze politiche sociali ed internazionali. Nata con il mare sotto i piedi, ora mi accontento dei colli bolognesi. Se mi siedo o mi riposo c’è qualcosa che non va. John Steinbeck, il cinema e la scrittura sono il mio Sacro Graal, per il resto condisco la mia vita un po’ di curcuma alla volta. Vivo di sarcasmo e politica internazionale, fortunatamente il periodo in cui sono nata mi permette di non dover mai scegliere l’uno o l’altro. 


Fausta Riva

Fausta Riva nasce in Brianza nel 1990. Geografa di formazione (Geography L-6) poi specializzata in fotografia al cfp Bauer. Oggi collabora con agenzie fotografiche e lavora come freelance nel mondo della comunicazione visiva. Fausta Riva nasce sognatrice, esploratrice dell’ordinario. Ama le poesie, ama perdersi e lasciarsi ispirare.


Daniele Rizzi

Nato nel ’96, bisognoso di sole, montagne, musei e drink dai nomi bizzarri. Specializzato in storia economica, sociale e culturale del Medioevo, interessato a un po’ troppe cose. Credo nel ruolo sociale dell’umanesimo e ma mi turba chi si prende sempre sul serio. Mi fermo sempre ad accarezzare i gatti per strada.


Arianna Trombaccia

Romana, classe 1996, laureata in Studi Storico-artistici presso l’Università La Sapienza, attualmente iscritta al corso di laurea magistrale in Storia dell’arte. Appassionata di scrittura creativa, è stata tre volte finalista al Premio letterario Chiara Giovani.  Lettrice onnivora e viaggiatrice irrequieta, la sua esistenza è scandita dai film di Woody Allen, dalle canzoni di Francesco Guccini e dalla ricerca di atmosfere gotiche.


Costanza Valdina

20 anni, nata a Perugia, studio lingue e letterature straniere all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Mi descrivono come un’instancabile lettrice, un’incurabile cinefila e una viaggiatrice curiosa. Negli anni mi sono innamorata della scrittura e del giornalismo, ispirata dall’ideale che “pensieri e parole possono cambiare il mondo.”


Camilla Volpe

Public opinion, market&communication research | Lettere | Mountainaholic | Organic-friendly


Serena Votano

Serena Votano, classe 1996. Fingo di essere una scrittrice, un’editor e una giornalista, in realtà sono solo una lettrice compulsiva in overdose da JD Salinger, Raymond Carver e Richard Yates. 


Partnership


Disclaimer

Frammentirivista.it, prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d’autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell’uso di materiale riservato, scriveteci a info@frammentirivista.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo dei diritti di terzi.

Frammentirivista.it, before publishing photos, videos or texts taken from the Internet, performs all the necessary checks in order to ascertain the free circulation regime and not to violate the copyrights or other exclusive rights of third parties. To report any errors in the use of confidential material to the editorial staff, please write to us at info@frammentirivista.it and we will promptly remove any material detrimental to the rights of third parties.

L’intero contenuto di questo sito Internet è protetto da copyright. È consentita la copia e/o la stampa per uso esclusivamente personale e non commerciale. Non è consentito trasferire, modificare tutto o in parte il materiale contenuto in questo sito senza il permesso della direzione. Non è inoltre consentito riprodurre su un altro server web tutto o parte del materiale pubblicato né estrapolare alcuna delle immagini grafiche contenute nel sito.

Per la riproduzione di testi, non è sufficiente citare la fonte ma va chiesto il permesso alla direzione del giornale. Sono consentite citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dall’indicazione della fonte completa: Frammenti – www.frammentirivista.it e il nome dell’autore se si tratta di articoli firmati.

Sono altresì consentiti e graditi i link da altri siti a patto che sia specificato che si tratta di link verso frammentirivista.it.

Legge 22 aprile 1941, n. 633 Art. 70 1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l’utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali. […]3. Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre accompagnati dalla menzione del titolo dell’opera, dei nomi dell’autore, dell’editore e, se si tratti di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull’opera riprodotta. La riproduzione dei materiali contenuti all’interno del sito, con qualsiasi mezzo analogico o digitale, non è consentita senza il consenso scritto di www.frammentirivista.it.