fbpx
Placeholder Photo

Due inediti della Brontë: scoperti
una poesia e un racconto
fra le pagine di un vecchio libro

1 minuto di lettura

Dalle pagine di un libro di Maria Branwell, madre di Charlotte Brontë, vedono la luce due scritti inediti della scrittrice inglese sorella maggiore di Emily. Entrambi risalgono al 1833, quando l’autrice era ancora diciassettenne. La poesia, di 74 versi, canta il fantastico mondo di Angria e della sua regina Mary Percy; il racconto – firmato con lo pseudonimo Lord Charles Wellesley – è una divertita parodia di un personaggio odiato dal padre della Brontë: si tratta del reverendo John Winterbottom, nel racconto ridicolizzato dall’intero paese. La Brontë Societydopo essersi riappropriata del libro, s’impegna di esporre i due inediti (entro il prossimo anno) al Brontë Parsonage Museum ad Haworth, nello Yorkshire. Regione inglese, quest’ultima, dove vivevano alcuni personaggi del racconto.

Charlotte Bronte manoscritto inedito
arte.sky.it

 

A.P. 

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.