Nudità iconica: la fotografia che impatta sullo sguardo

Lo sguardo si ferma sul nudo, che sia pornografico, documentario o semplicemente illustrativo della realtà in essere. È delicato, sensuale o osceno ma certo non lascia indifferenti. «La fotografia di nudo non lascia indifferente nessuno, che sia il fotografo, il modello e chi infine guarda le immagini e ne resta coinvolto», citando Giovanna Bertelli. La donna spesso è soggetto principe della fotografia, e dal Novecento diventa maestra davanti e dietro l’obiettivo. Florence Henri arriva a ben occupare, e per lungo periodo, questo spazio. Impattante è la sua Donna sui giacinti.

Fotografia di Francesca Leali

Le fotografie di nudo si smerciavano sopra e sotto banco fin dagli esordi della tecnica, e la Francia è stata a lungo territorio di questo viavai. Gli scatti “osceni” erano proibiti ma giustificabili come materiale per pittori. Le modelle avevano quindi cura di farsi ritrarre in pose neoclassiche. Qualcuno, come Auguste Belloc, finì al fresco lo stesso. Il nudo di sotterfugio penetra i confini, dagli anni Venti a Vienna e Praga agli inizi del Novecento in America Latina, fino ad oggi e destabilizzando la Francia dei Surrealisti e il Giappone dalla cultura fortemente singolare.

Leggi anche:
Nudo di donna: immagini tra curve e colori

Quando la nudità diventa iconica e non scade nel pornografico, nel glamour perché erotico, allora vivifica l’osservatore.

Fotografia di Francesca Leali

Ad armeggiare con corpi veri vivi e pulsanti è Vanessa Beecroft, che inscena tableau vivant. Il nudo avvicina performance e fotografia, trasudando bellezza e malinconia. La riflessione si delinea tra temi classici e problematiche di oggi, scivolando dal cibo alla globalizzazione. La fotografia ferma le situazioni e le riflessioni da queste innescate. Il nudo si accoppia al verde nella fotografia in bianco e nero della sudamericana Flor Garduno. Svolazzi floreali agghindano sospiri di eleganza, verità e poesia.

«Tra la fotografia di nudo artistico e la pornografia, l’asticella del confine morale si è mossa molto più spesso in base all’evoluzione della società e dei costumi, che non seguendo la ricerca artistica»

Giovanna Bertelli
Fotografia di Francesca Leali

Dettagli curati inscritti in scene frammentate, bianco e nero e grana grossa: questi i punti cardine dell’opera di Ralph Gibson, che si muove tra realtà e surrealismo. Corpi marmorei erano icone di forza e bellezza classica ai tempi di Robert Mapplethorpe e Lisa Lyon, che si conobbero nel 1980. Anche Helmut Newton si esprime con la Lyon, ma qui per dire di fashion imbottito di erotismo, documentarismo, ritrattistica moderna e composizione classica. Curvando tra concetto e poesia onirica, tra reale, immaginario, artificiale e naturale, si incontrano le opere di Sandy Skoglund, che si espone in colori accesi e pop. Le scenografie sono macchinose e progettate nel dettaglio, con l’esclusione rigorosa del fotoritocco. Con la sperimentazione ha un rapporto produttivo Man Ray, che con le solarizzazioni si muove tra fotografia e disegno e con il veicolo della fotografia tradizionale cura in particolare l’immagine di Kiki de Montparnasse, la modella del Violon d’Ingres.

Fotografia di Francesca Leali

Bill Brandt applica sui nudi una prospettiva distorsiva e maniacalmente si concentra su un dettaglio del corpo femminile che su un fondo deformato contribuisce alla costruzione del surrealismo. La generazione di un nudo che travalica tempi e spazi della rappresentazione tradizionale è anche quella di André Kertész, che nella deformazione indaga nuove forme estetiche. Il bianco e nero abbellito da graffi e macchie è la cifra distintiva di Joel Peter Witkin, motore di una ricerca dura, che muove cadaveri, freak e allestimenti, ma profondamente spirituale.

Fotografia di Francesca Leali

La mostra Donne, che espone nudità che nella storia della fotografia spesso hanno sconvolto, è visitabile al Museo di Santa Giulia di Brescia fino all’8 settembre 2019.

Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali
Fotografia di Francesca Leali

Immagine di copertina: fotografia di Francesca Leali

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.