fbpx
Placeholder Photo

A Milano in mostra la Resistenza femminile a fumetti

2 minuti di lettura

Donne resistenti è il titolo di una piccola mostra composta da disegni e fumetti, inaugurata l’8 marzo e prolungata fino al 26 aprile, al WOW- spazio fumetto in viale Campania 12 a Milano, in modo da comprendere due date salienti per l’argomento: la festa della donna e il settantesimo anniversario della Liberazione. Entrando, sulla parete a destra scopriamo volti e biografia di alcune figure femminili cruciali per la lotta partigiana e per la Resistenza in generale; le storie e le parole di Onorina Brambilla Pesce (detta Nori), Iride Imperoli, Maria Federici, Miriam Mafai, Teresa Mattei, Iris Versari e una giovanissima Tina Anselmi ci commuovono e ci stupiscono per il coraggio di opporsi che queste donne hanno avuto, semplicemente perché era l’unico modo in cui valesse la pena di vivere. La seconda parte della mostra è costituita da “Bruna e Adele 70 anni dopo” una graphic novel realizzata da Reno Ammendolea con la collaborazione di Marsia Modola per la sceneggiatura, che ripercorre la storia dei GDD (Gruppi di difesa della donna), da cui è poi nata l’UDI (Unione donne italiane), attraverso gli occhi di una diciassettenne poco amante della storia e prossima all’esame di maturità che, incuriosita dalla nonna e dai suoi racconti sulla guerra, scopre assieme ad una sua amica la storia della resistenza femminile. Le due ragazze intraprendono un percorso formativo che le porta ad una consapevolezza della forza delle loro antenate, che ebbero persino il coraggio di morire per degli ideali, non corrispondendo affatto alla descrizione che Fabrizio De André fa dei “grandi spiriti” (riferendosi ovviamente ai suoi contemporanei) in Morire per delle idee: «Gli apostoli di turno che apprezzano il martirio, lo predicano spesso per novant’anni almeno».

Donne resistenti

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.