fbpx
Placeholder Photo

Agroasili: ecco come educare i bambini
a vivere rispettando la natura

1 minuto di lettura

«Quando si parla di agricoltura multifunzionale si fa riferimento a tutte quelle realtà che, pur partendo dal settore primario, riescono a fornire ulteriori servizi al consumatore e alla collettività, svolgendo attività aggiuntive rispetto alla sola coltivazione di prodotti agricoli. E’ il caso degli agrinido e degli agriasilo». Così Coldiretti presenta un nuovo mondo della pedagogia, diversa da quella basata su carta e penna. In questi agriasili bambini crescono a contatto coi prodotti della terra, e con gli animali che la abitano. Dai 3 mesi ai 6 anni sempre più bambini, lungo il territorio del Bel Paese, sono educati infatti secondo il rispetto e la gestione della natura.

I primi passi nella vita di campagna, rigorosamente all’aria aperta, sono seguiti dal sostegno didattico di maestre e di maestri che, con passione, coinvolgono i piccoli a capire le regole del mondo animale, a inventarsi il riutilizzo dei materiali in apparenza più poveri (come legno e lana) spiegano, insomma, lo sviluppo della vita intimamente naturale.

Oltre che coi quaderni, dunque, i bambini sono educati con zappe, stivali e materiale da lavoro, per instaurare il giusto equilibrio tra conoscenza teorica (arrivando a conoscere i periodi di semina, di raccolto, gli effetti delle stagioni, il mondo animale) e pratica quotidiana. Il tutto funge anche da sostegno agli imprenditori agricoli che scelgono di trasformare in fattorie didattiche alcuni spazi della propria attività.

A.P.

 

macchianera italian awards

 

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.