Berlino, un’opera di salvagenti
per ricordare i rifugiati

berlino profughi

BERLINO – Le colonne della Konzerthaus di Berlino (ovvero il Teatro dell’Opera) sono state ricoperte da centinaia di giubbotti di salvataggio arancioni utilizzati dai rifugiati per arrivare in Europa. L’idea è di un artista e attivista cinese, Ai WeiWei, che ha deciso di dedicare la sua creazione ai milioni di migranti che ogni giorno sono costretti a fuggire dalla guerra. La piazza in cui l’opera è collocata accoglierà gli ospiti del gala Cinema for Peace, in cui verranno premiati i film che si sono occupati di tematiche umanitarie. Ai WeiWei, che sarà presente alla cerimonia, è anche noto per essere l’artista che ha scattato la foto del bambino annegato in mare qualche mese fa, suscitando non poco scalpore.

D.F.

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Related Post

Condividi:

Redazione

Frammenti, rivista online di attualità e cultura, nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.