fbpx

Gangs of New York, ovvero dove finisce l’America

1 minuto di lettura

Ispirato a The Gangs of New York: An Informal History of the Underworld, un trattato del 1928 sulle gang armate che popolavano il quartiere newyorkese dei Five Points nell’XIX secolo, il film di Martin Scorsese è una gigantesca epopea colma di umori, sapori – una fatica quasi fisica. 

A differenza delle pellicole ‘standard’, in cui la sceneggiatura è materiale grezzo, tutt’al più discorso letterario in attesa di traduzione visiva, Gangs of New York condensa voci e parole, immagini che sembrano fuoriuscire da un magma in ebollizione, dall’impasto di sudore e degrado che impregna ogni fotogramma. Siamo a cavallo, del resto, tra lo Scorsese di Bringing Out the Dead (1999) e quello più controllato, quasi “museale” di The Departed (2006), già proiettato verso un racconto “politico” della degradazione in terra […]

Continua a leggere la recensione di Gangs of New York su NPC Magazine:

NPC Magazine

NPC - Nuovo Progetto Cinema

Film e Serie TV come non li hai mai letti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.