Gerhard Richter e la sua Betty

Un quadro che non sembra un quadro ma piuttosto una fotografia, un ritratto che ritratto non è, visto che il soggetto è di spalle.
Questa è Betty, la figlia dell’artista, ma (Dresda, Germania, 1932) sembra più essere interessato ai dettagli floreali della sua giacca e alla sua pettinatura piuttosto che disegnarle il viso.

Richter-Betty

Betty, 1988, olio su tela (102×72 cm)

Così come lei non guarda in faccia noi, così Richter non si cura minimamente delle convenzioni pittoriche e volge loro letteralmente le spalle. Ogni concetto tradizionale della pittura e della rappresentazione è superato.

Lo sfondo monocromatico richiama alcune opere astratte dell’autore, un altro metodo espressivo di Richter che ha reso la sua arte estremamente diversificata.
 
Altre opere di Richter sono visionabili sul sito Artsy, risorsa per collezionismo e istruzione, la cui mission è rendere tutta l’arte del mondo accessibile a chiunque abbia una connessione internet.
Lorena Nasi
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.