fbpx
Toyo Ito. Sendai Mediatheque, Miyagi, Japan. 1995–2001. © Naoya Hatakeyama

“A Japanese Constellation”:
architettura giapponese
al MoMA di New York

2 minuti di lettura
Toyo Ito. Sendai Mediatheque, Miyagi, Japan. 1995–2001. © Naoya Hatakeyama
Toyo Ito. Sendai Mediatheque, Miyagi, Japan. 1995–2001. © Naoya Hatakeyama

L’ultima mostra organizzata al MoMA da Pedro Gadanho, ex curatore della sezione architettura al museo newyorkese e ora direttore del nuovo MAAT di Lisbona, è intitolata: “A Japanese Constellation: Toyo Ito, SANAA and beyond”. Non certo un saluto qualunque, ma un congedo in grande stile.

Il visitatore viene a contatto con uno spazio raffinato, che parla di leggerezza e traslucenza. Semplici pannelli di stoffa si intersecano e separano le aree dedicate ai diversi architetti con modelli, disegni. schizzi, intuizioni primitive, accenni a spazio e struttura. A Japanese Constellation, che presenta una retrospettiva della carriera di Toyo Ito e della sua influenza come mentore di una nuova generazione di architetti giapponesi, allestisce opere recenti di Kazuyo Sejima, Ryue Nishizawa, Sou Fujimoto, Akihisa Hirata e Junya Ishigami.

Artribune riporta che la mostra, incentrata sul lavoro di Ito per la Mediateca di Sendai e il 21st Century Museum of Contemporary Art di SANAA di Kanazawa, presenta progetti di varia scala. Questi non parlano di vastità, anche quando sono di grandi dimensioni, nè di confinamento, ma sono sempre aperti in un dialogo continuo l’uno con l’altro e con l’ambiente circostante. Manufatti architettonici che, invece di suggerire geometria, suggeriscono le qualità a essa associate.

La mostra chiuderà il 4 luglio 2016.

Y.C.

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

 

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.