A Milano in progetto una casa
di accoglienza per le vittime
della discriminazione di genere

LGBTI

Fonte: Wikipedia

MILANO – Nascerà presto a Milano una casa-rifugio per le vittime della discriminazione di genere, un posto dove le persone LGBTI (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender e Intersessuali) possano trovare accoglienza e vivere in serenità per qualche tempo. È il progetto che la giunta Pisapia ha ideato e vorrebbe realizzare entro la fine del suo mandato. La notizia è stata riportata ieri di La Repubblica: il Comune sta cercando un’associazione che possa gestire la struttura, che probabilmente sarà installata in uno degli appartamenti confiscati alla mafia.

L’obiettivo è quello di intercettare ragazzi discriminati e allontanati dalle famiglie a causa del loro orientamento sessuale, con particolare riferimento alla fascia d’età tra i 20 e i 30 anni. I casi certamente non mancano: nel 2015 lo sportello di ascolto in via De Amicis 27 ha accolto numerosi ragazzi e ragazze, che sono stati presi in carico dai servizi sociali. La casa-rifugio si pone obiettivi ancora più ambiziosi: le persone in difficoltà, infatti, potranno alloggiarvi fino a un massimo di sei mesi, sostenute psicologicamente ed economicamente. Nonostante le scarse possibilità che un tale progetto possa essere realizzato in tempi così brevi, l’idea è stata accolta favorevolmente: «Milano si conferma come uno straordinario laboratorio nazionale contro le discriminazioni», dice l’Assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino.

S.F.

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.