fbpx
Placeholder Photo

Morta l’antropologa Ida Magli

1 minuto di lettura
lastampa.it
lastampa.it

ROMA – Si è spenta nella sua Roma la novantunenne Ida Magli. Laureatasi in filosofia a La Sapienza di Roma, l’antropologa è conosciuta soprattutto per il suo pensiero antieuropeista, esposto a partire da Contro l’Europa (1997); non bisogna però scordarsi dei suoi studi sulla storia del genere femminile (Matriarcato e potere delle donne, 1978) e sul rapporto fra tabù e sacro (Gesù di Nazareth – Tabù e trasgressione, 1982). La Magli aveva da poco finito di scrivere Figli dell’uomo: storia del bambino, storia dell’odio, libro prossimamente in uscita per la Bur che indaga la storia della violenza sui minori, sui bambini indifesi. Sempre controversi si sono dimostrati anche i suoi interventi di attualità e politica – apparsi su La Repubblica e su L’Espresso fino al 1994, anno che dà il via alla collaborazione col quotidiano Il Giornale – opinioni che spaziavano dal commento antropologico alla società italiana, alla denuncia del potere dell’UE, fino alla difesa della presunta civiltà occidentale.

A.P.

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.