Parigi, Museo d’Orsay: sciopero sindacale
contro l’estensione dell’orario di apertura

PARIGI – Dal 22 Settembre prosegue lo sciopero indetto dal sindacato CGT-Culture, di matrice socialdemocratica, che ha impedito l’inaugurazione della mostra Splendori e miserie al Museo d’Orsay di Parigi. 34 agenti di sorveglianza su 37 hanno aderito allo sciopero, e al momento non è definito fino a quando possa durare. A scatenare la protesta è stata la proposta del governo di estendere l’orario di apertura, non solo dell’Orsay ma anche del Louvre e del museo della reggia di Versailles, affinché i tre musei rimangano visitabili sette giorni su sette. Questa variazione dovrebbe essere operativa dal 2 novembre, come ha dichiarato il presidente  francese François Hollande a inizio settembre: «Entro l’autunno il giorno di chiusura dei musei diventerà il giorno delle visite scolastiche. Vogliamo offrire ai giovani francesi tutte le possibilità di imparare, di emozionarsi e di ammirare le opere». Ma il sindacato replica – in una lettera del 15 Settembre – lamentandosi della carenza di personale, necessario nelle questioni logistiche, per coprire adeguatamente i turni di lavoro e soddisfare la manutenzione dei musei.

Al momento, a causa delle innumerevoli visite dei turisti, i tre musei maggiori di Parigi non riescono ad accettare tutte le richieste delle scuole: perciò Fleur Pellerin, ministro della Cultura, ha spiegato che l’apertura sette giorni su sette permetterebbe a studenti, disabili e alle fasce sociali più deboli in generale, di visitare il museo. Alain Lombard, amministratore generale del Musée d’Orsay, testimonia infatti: «In questo momento non riusciamo ad accogliere tutte le scolaresche che fanno richiesta. Rifiutiamo una domanda su due. Restando aperti anche il lunedì, potremmo far scoprire il museo ai giovani».

A.P.

 

 

Leggi anche:

colosseoI musei, la furia ideologica anti-sindacale
e quel senso del ridicolo ormai perso

 

 

 

 

 

Redazione
Condividi: