fbpx

Raffaella Carrà al cinema: come riscoprire un’artista eterna

2 minuti di lettura

Raffaella Carrà ha incorporato in un’esistenza caleidoscopica tutte le sfumature di un’artista dello spettacolo. Lei, dal fascino felino, lo stile invidiabile e la magnetica presenza sul palcoscenico, ha incorniciato più di cinquant’anni di televisione italiana in un sorriso firmato dal sottile accento bolognese. E il recente 5 luglio ha dovuto salutare la brillante performer, venuta a mancare all’età di 78 anni per un tumore. Così le luci del palco si sono spente e un’intera nazione è entrata in lutto per ricordare la sua dama dal caschetto biondo. Eppure l’inconfondibile capigliatura della Carrà, accompagnata alle sue canzoni a ritmo di ballo, ha descritto la sua parentesi anni Settanta, a sfondo televisivo.

Tuttavia, prima che il mondo la guardasse sulla rete nazionale, Raffaella Maria Roberta Pelloni ha conquistato il cinema. Non è un caso, infatti, che il suo celebre nome d’arte, ispirato al pittore metafisico Carlo Carrà, sia stato inventato dal regista Dante Guardamagna. Era l’inizio degli anni Sessanta e, da quel momento, una giovane e promettente attrice, impreziosita da una chioma bruna e da uno sguardo dolce, ha calcato le scene di grandi e piccole firme del cinema. A cominciare da Tormento del passato (1952), pellicola di Mario Bonnard in cui vediamo la piccola Raffaella Carrà, di soli nove anni, accreditata con il suo nome di battesimo. Ma questo è solo il primo passo di un lungo viaggio che vi raccontiamo in quattro film […] Continua su NPC Magazine

https://www.npcmagazine.it/raffaella-carra-cinema/

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.