fbpx

Vegano è hot! I benefici del veganesimo sull’eros

Molti pensano sia solo l'ennesimo trend del momento, ma al di là delle questioni etiche che portano a questa scelta, la dieta vegana si rivela funzionale anche all'appagamento sessuale. In che modo?

6 minuti di lettura

Su Netflix sta spopolando, ormai da qualche tempo, You are what you eat, un interessantissimo documentario che cerca di estirpare ogni dubbio: una dieta vegana è molto più salutare e sono tanti e diversi i benefici che questa porta al benessere della persona. 

L’Università di Stanford ha avviato la ricerca su ventidue coppie di gemelli omozigoti, sottoponendo uno/a ad una dieta vegana e l’altro/a a una dieta onnivora per otto settimane

Il risultato? La dieta vegana apporta più benefici al corpo rispetto a quella onnivora, quasi un’ovvietà, alla quale però, evidentemente, non si è ancora e del tutto abituati.

Stando ai dati scientifici, insomma, questi appurano che i soggetti che optano per questo regime alimentare riescono a vivere meglio non solo con il proprio corpo, ma anche con la propria psiche, esperendo anche più soddisfacenti rapporti con gli altri.

Per quanto riguarda l’impatto sulla vita massmediatica e legata ai social media, il popolo vegano ha colto l’importanza e la preponderanza della comunicazione nella quotidianità e di qui le tendenze sui social, tra influencer e content creator non smettono di stupire: ogni giorno vengono postati migliaia di contenuti a tema veg, che offrono anche ai più scettici tanti motivi, etici e non, per apportare un cambiamento nella propria vita.

Insomma, un vero e proprio trend che convince sempre di più non solo da un punto di vista morale, ma anche da un punto di vista culturale a mangiare alimenti non solo più sani, ma totalmente vegetali, declinandoli in ricette diversissime, dove perfino i legumi diventano l’ingrediente base per dolci succulenti. 

Ma ora la domanda è: chi è vegano fa più sesso, scardinando così lo stereotipo che «la carne mette sangue»? Vediamolo insieme. 

Leggi anche:
Alcune considerazioni estetiche sul veganesimo

Per i vegani c’è più libido 

Dagli studi emerge che una dieta vegana migliora la salute dei soggetti che l’adottano sul lungo periodo: abbassa i livelli di colesterolo nel sangue e il livello di insulina e da questo derivano benefici di riflesso, come l’allungamento della vita media, un minore senso di stanchezza, una più diffusa sensazione di leggerezza sia mentale che fisica  e pare che questo porti a provare maggiore libido

Sempre durante lo studio dell’Università di Stanford, i dati emersi forniscono chiaramente una delucidazione rispetto ai tassi elevati di libido che i partecipanti all’esperimento hanno registrato dopo le otto settimane di dieta vegana. 

Pare, infatti, che la libido dei partecipanti “vegani” abbia avuto un incremento del 383% rispetto al normale, soprattutto fra le donne

La risposta proviene, probabilmente, dal fatto che alcune verdure hanno degli elementi in grado di migliorare l’irrorazione del sangue verso le zone genitali sia femminili, ma anche maschili. 

Insomma, preferire un’alimentazione vegana favorirebbe la propensione ad avere maggiori relazioni sessuali, ma anche performance maggiori, con un periodo più lungo di attività e una maggiore soddisfazione sessuale in genere.

Leggi anche:
Sesso e malattia: quale eros possibile

Benefici del vegan-sex

È noto che il sesso e la sfera della sessualità contempla tante variabili e tra queste, oltre l’attrazione fisica c’è anche quella legata all’odore che l’altra persona emana e che può risultare attraente. 

Pare, infatti, che la scelta del partner sessuale sia veicolata prima di tutto proprio da questo fattore, che ha un ruolo preponderante anche sullo sguardo o sul tatto. 

Secondo Ingrid Newkirk, sostenitrice del sesso green e fondatrice e presidente del PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), associazione che protegge i diritti degli animali in tutto il pianeta e che indaga sull’origine dei prodotti in commercio, divulgando tutte le informazioni utili ai consumatori, i vegani avrebbero un odore epidermico più piacevole e attraente, non ingerendo carcasse animali o comunque qualsiasi altro prodotto di derivazione animale.

Inoltre c’è anche il coinvolgimento psicologico: un/a vegano/a tende a preferire altri vegani proprio per via della condivisione di ideali etici di benessere per il pianeta e per tutti i suoi abitanti. 

Andare a letto con un carnivoro sarebbe come concedersi al nemico, in un mondo che richiede sempre più attenzione a queste tematiche. 

E poi, stando agli studi, andare a letto tra vegani farebbe scoppiare quindi le scintille sotto le lenzuola. 

Leggi anche:
Cibo afrodisiaco: l’eros à la carte

Un ulteriore invito, quindi, ad abbracciare il veganesimo, non solo una moda sicuramente, oltre l’etica, ma assolutamente funzionale a una vita sessuale molto più appagante!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Anto D'Eri Viesti

A proud millennial. Dopo il dottorato in semiotica e gender studies decide di dedicarsi solo alle sue passioni, la comunicazione e la scrittura.
Copywriter e social media manager.
La verità sta negli interstizi, sui margini e nei lati oscuri.
Tanti fiori, cioccolato e caffè.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.