fbpx
Placeholder Photo

All’asta l’ultimo scandaloso
manoscritto
del Marchese de Sade

2 minuti di lettura
www.adnkronos.com
www.adnkronos.com

PARIGI – È andato all’asta lo scorso 11 dicembre l’ultimo manoscritto del Marchese de Sade, il più perverso dei libertini, padre del sadismo e autore di opere scandalose come Le 120 giornate di Sodoma.

Come riportato dal quotidiano La Stampa, si tratta di un manoscritto di trentatré fogli che reca sulla prima pagina il titolo – provvisorio – di Valrose ou les écarts du libertinage (Valrose o gli errori del libertinaggio), poi sostituito dalla variante definitiva Le giornate di Florbelle o la natura svelata, seguite dalle memorie dell’abate di Modose e dalle avventure d’Emilie de Volnange.

I fogli rivelano le varie tappe della stesura dell’opera, completata tra il 1806 e il 1807, gli anni della detenzione nell’ospizio per malati di mente di Charenton, e successivamente sequestrata dalla polizia con i fogli ancora freschi d’inchiostro. Dopo la morte del Divin Marchese, i quaderni delle Journées de Florbelle furono dati alle fiamme e si salvarono solo pochi fogli, conservati dal segretario del prefetto di polizia.

Quegli appunti sono ora andati all’asta a Parigi, nella vendita della biblioteca di Pierre Bergé, uomo d’affari e bibliofilo, nonché compagno dello stilista Yves Saint-Laurent. «È probabilmente l’ultimo manoscritto di Sade in mani private» ha detto Michel Scognamillo, della biblioteca Bergé «Per la sua storia, si può considerare come un testamento letterario in bottiglia».

G.A.

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.