armi

Armi, acciaio e coronavirus

L’industria bellica non si è fermata nemmeno durante la pandemia e l’Italia ha continuato a vendere armi a Paesi in guerra o che non rispettano i diritti umani. Ma non solo: anche “appaltare” la sicurezza ai cittadini può essere un pericolo, come dimostra il caso statunitense.

Camilla Volpe e Fabio Landrini ne discutono con Stefano Iannaccone, giornalista e coordinatore dell’associazione Addio alle armi, in una nuova puntata di Café Society.

Armi, acciaio e coronavirus

L'industria bellica non si è fermata nemmeno durante la pandemia e l'Italia ha continuato a vendere armi a Paesi in guerra o che non rispettano i diritti umani. Ma non solo: anche "appaltare" la sicurezza ai cittadini può essere un pericolo, come dimostra il caso statunitense. Camilla Volpe e Fabio Landrini ne discutono con Stefano Iannaccone, giornalista e coordinatore dell'associazione Addio alle armi, in una nuova puntata di #CaféSociety.

Pubblicato da Frammenti Rivista su Mercoledì 10 giugno 2020

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Redazione
Condividi: