fbpx

Come i vestiti NA-KD possono aiutare a proteggere l’ambiente

6 minuti di lettura

L’impatto ecologico dell’industria del fashion è un argomento multi sfaccettato e complesso. L’industria della moda presenta infatti una quasi totale mancanza di trasparenza, il che rende la misurazione del vero e proprio impatto ambientale molto difficile da evidenziare, anche se alcuni fatti restano noti a tutti soprattutto per quanto riguarda le aziende di moda denominate fast fashion, che non fanno altro che perpetuare il meccanismo di moda usa e getta.

NA-KD è un’azienda di abbigliamento europea disponibile online che ha intrapreso una strada opposta: oggi acquistare consapevolmente i vestiti NA-KD potrebbe davvero significare fare la differenza e proteggere l’ambiente.

Le iniziative portate avanti da questo brand che vende abbigliamento e accessori per donna sono diverse e includono la circolarità dei vestiti NA-KD, la trasparenza e l’attenzione alla catena di approvvigionamento, per non parlare delle scelte riguardanti l’imballaggio e il trasporto.

Lì dove diventa difficile fare una stima dell’impatto ambientale dell’industria del fashion, NA-KD ha deciso di rendere pubblici i suoi dati e di puntare in alto raggiungendo un alto livello di sostenibilità ambientale entro il 2025.

Qual è l’impatto della moda sul pianeta?

Tutto ciò che riguarda il pianeta Terra riguarda tutti noi, nel vero senso della parola. A cominciare dalle scelte che si compiono in quanto consumatori. Molte aziende di fast fashion si possono trovare online, con e-commerce ricchi di capi di abbigliamento a bassissimo prezzo, fattore che attira moltissime persone che acquistano vestiti provenienti dall’altra parte del mondo senza tenere conto del costo ambientale che questa sovrabbondanza implica.

Secondo le stime l’industria della moda a poco prezzo è responsabile tra il 2 e l’8% delle emissioni globali di gas serra. Inoltre, la maggior parte dei materiali utilizzati da queste aziende opache sono sintetici: fibre sintetiche come poliestere e nylon non possono essere riciclate e di fatto provengono dai carboni fossili.

Le microplastiche contenute nelle fibre sintetiche danneggiano i corsi d’acqua ogni volta che i capi vengono lavati: approssimativamente il 35% delle microplastiche presenti nel pianeta provengono dall’industria del fast fashion, inoltre per realizzare questa quantità di capi di abbigliamento è necessaria una imponente quantità d’acqua che nelle zone che circondano queste fabbriche sono spesso inquinate dai prodotti chimici tossici utilizzati per la produzione di vestiti. Ciò implica inevitabilmente il danneggiamento delle specie più delicate e quindi della biodiversità.

Queste realtà esistono e sono molto invasive: il mondo della moda si è quindi messo in prima linea per evitare il persistere di questa situazione insostenibile e sono molti i brand che si mobilitano attraverso iniziative di politica trasparente che mette in risalto una filiera controllata, un trattamento corretto dei dipendenti e una realizzazione dei capi di vestiario che minimizzi il più possibile l’impatto ambientale.

Perché scegliere i vestiti NA-KD

Fortunatamente, esiste sempre un’opzione migliore, e ogni acquirente può decidere di acquistare più consapevolmente abbattendo così il prolificare di queste realtà. Scegliere di acquistare vestiti NA-KD significa fare una scelta consapevole. L’obiettivo di NA-KD è quello di divenire un’azienda sostenibile entro il 2025 e l’impegno è visibile già da oggi.

Le iniziative adottate da NA-KD sono:

  • Moda circolare: sullo store è possibile acquistare i vestiti NA-KD pre-loved a prezzi vantaggiosi, oppure mettere in vendita ciò che non si utilizza più;
  • Imballaggi sostenibili: utilizzo di plastica a polimeri biodegradabili per avvolgere i capi, carta riciclata per imballare gli accessori e buste completamente riciclate e riciclabili.
  • Trasporti: l’impegno di Na-KD si estende anche al trasporto delle merci e privilegia quello via terra che avviene attraverso camion a idrogeno o con sistemi innovativi e a basso impatto.
  • Prodotti sostenibili: la circolarità dei capi permette anche di evitare gli ingenti sprechi e la quantità di rifiuti e i vestiti NA-KD provengono da prodotti sostenibili e vengono creati capi anche dai materiali di scarto.
  • Inclusività: la sostenibilità passa anche attraverso le scelte relative alla diversità e all’inclusione che permette di creare un’industria che mette in risalto il potere delle donne vere, un valore aggiunto assolutamente imprescindibile.

Le scelte sono quelle che fanno la differenza e che possono migliorare il mondo, anche le più piccole, come ad esempio acquistare prodotti controllati e certificati, comprare i vestiti NA-KD può contribuire a proteggere l’ambiente e la sua biodiversità e di conseguenza a proteggere tutti noi.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.