fbpx

Dallo sbarco sulla Luna al Live Aid: quando il mondo si è fermato davanti alla tv

4 minuti di lettura

Come si possono apprezzare tantissimi eventi che hanno segnato la storia dell’umanità, recente si intende, anche se non si è può essere presenti fisicamente agli stessi? Che domande, davanti alla tv ovviamente. Ci sono delle date in cui buona parte della popolazione mondiale si è letteralmente fermata di fronte allo schermo della televisione, quasi ammaliata rispetto a quello che veniva trasmesso.

Ebbene, sul blog del casinò online Betway vengono proprio analizzati gli eventi che hanno portato milioni e milioni di persone a restare incollate di fronte alla tv. Date molto particolari, come ad esempio quella in cui si è verificato lo sbarco sulla Luna, per non parlare del concerto del Live Aid, piuttosto che della cerimonia con cui Barack Obama si è insediato alla Casa Bianca.

1 miliardo di persone davanti alla tv per Obama

Sì, avete capito bene: non stiamo dando i numeri, ma davanti alla televisione a seguire l’insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca, il 20 novembre del 2009, c’era la bellezza di oltre un miliardo di telespettatori, come sottolineato sul blog L’insider. Qualcosa come il 14% della popolazione presente sulla faccia della Terra ha seguito un evento che non aveva precedenti.

In effetti, è stata la prima volta che un presidente di colore rivestiva un ruolo simile, ovvero la più alta carica dello Stato. Ed è questo il motivo per cui da ogni parte del mondo le persone si sono collegate alla tv e hanno voluto seguire tutto l’evento. Ben 14 persone ogni 100 su questo pianeta erano attaccate allo schermo per un giorno che, ad esempio, i

n Kenya, la terra in cui è nato il padre di Barack Obama, è diventato festa di nazionale.

Il principe Carlo e Diana Spencer convolano a nozze

Se per l’insediamento di Barack Obama si sono registrati numeri clamorosi, diventa difficile trovare le parole per descrivere il numero di persone che hanno seguito in tv il matrimonio tra il principe Carlo e Lady Diana. Il motivo è presto detto: 750 milioni di persone si sono collegate alla tv, ovvero il 17% della popolazione mondiale, ed era il 29 luglio del 1981, quando ancora probabilmente in tutto il mondo non c’erano così tanti apparecchi tv come al giorno d’oggi.

È stato indubbiamente uno dei matrimoni più importanti del Novecento, anche per le proporzioni che l’hanno caratterizzati. Una cerimonia che è stata celebrata nella Cattedrale di Saint Paul, con ben 3500 invitati. Sulle strade, lungo il corteo da Clarence House, erano presenti oltre due milioni di persone, per non parlare i 600 mila curiosi che hanno occupato le strade tutt’intorno alla cattedrale.

L’Apollo 11 raggiunge la Luna

Un avvenimento che ha segnato una svolta per l’umanità intera, un sogno che diventa una realtà ben visibile. Le stime parlano di 650 milioni di persone in tutto il mondo che sono rimaste incollate davanti alla tv per ammirare i primi passi di Neil Armstrong sulla Luna. Tenendo conto che ci trovavamo nell’estate del 1969, il fatto che il 18% della popolazione del nostro pianeta fosse davanti alla televisione la dice lunga su questo incredibile dato statistico.

Live 8 e Live Aid, due concerti da record

Cronologicamente bisogna citare prima il Live Aid, definito come il “Concerto dei concerti”, che si è svolto nel 1985, il 13 luglio per la precisione, ed è stato seguito da ben 1.9 miliardi di telespettatori. Quasi il 40% della popolazione di tutto il mondo era davanti alla tv quella sera. Il Live 8 ha tenuto incollati allo schermo oltre 2 miliardi di persone, ma si trattava già del 2005.

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.