Gli Emirati Arabi Uniti: hub culturale del Golfo

Fervono i preparativi per l’inaugurazione di Expo 2020 a Dubai, la prima volta dell’Esposizione Universale in un paese arabo. Per l’occasione gli Emirati Arabi Uniti rafforzano la propria presenza anche sul piano culturale, incrementando le attività e proponendosi sulla scena internazionale come il centro culturale per eccellenza nel Golfo. Prova ne è la costruzione del Louvre Abu Dhabi, inaugurato nel 2017 e frutto di un accordo siglato nel 2007 tra il governo emiratino e quello francese.

Louvre Abu Dhabi: un nuovo umanesimo del Golfo

L’obiettivo principale è fondare un’istituzione culturale senza precedenti, non solo per l’area araba ma per il mondo intero. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un museo che ha fatto dell’umanesimo il suo cavallo di battaglia, il primo nel suo genere nella regione che celebra il multiculturalismo nel Medio Oriente, unito al dinamismo messo in campo dai paesi arabi contemporanei. Queste caratteristiche fanno del Louvre Abu Dhabi il museo universale del mondo arabo. Il museo, sotto la cura del Dipartimento della Cultura e del Turismo, rappresenta il più grande accordo culturale tra due Paesi. Il progetto ha preso il via grazie alla convergenza di diverse sinergie, a partire dall’Agenzia Musei Francia, istituzione che raccoglie 17 musei tra i più importanti d’oltralpe. L’accordo tra i due paesi ha dato vita a una nuova visione del servizio museale in spazi che miscelano il gusto francese per l’architettura, dettata da un architetto di fama internazionale come Jean Nouvel, ideatore della avveniristica struttura, e l’eredità del mondo arabo.

Leggi anche:
Chi ha paura del Louvre di Abu Dhabi?

La creatività umana slegata dalla cultura

Al Louvre Abu Dhabi si possono visitare mostre e installazioni su un filo conduttore: rappresentare la creatività umana slegandola dalla cultura, dall’epoca o dalla posizione geografica di cui è espressione. Il museo rende omaggio al senso artistico dell’uomo che percorre lo spazio cronologico dalla preistoria fino all’età contemporanea, perseguendo lo scopo di preservare l’eredità culturale degli Emirati in un’ottica di condivisione e di ponte tra culture differenti.

L’organizzazione stessa degli spazi è sinonimo di apertura: non vi sono barriere e le diverse aree dedicate sono tutte collegate tra loro, creando una scena aperta; gli spazi sono destinati non solo alle arti ma anche all’apprendimento suddiviso per fasce di età, con percorsi pedagogici e attività riservate ai più piccoli. Non mancano le possibilità di svago e approfondimento rappresentate da proiezioni cinematografiche, conferenze e arti vive.

Leggi anche:
«Pala di Brera»: la modernità nascosta di Piero della Francesca

Le prospettive future

A due anni dall’inaugurazione gli obiettivi degli organizzatori sono stati pienamente raggiunti e il Louvre Abu Dhabi è ormai entrato nell’immaginario collettivo come il museo del futuro degli Emirati Arabi Uniti. Una realtà che ha superato le più rosee aspettative in termini di apprezzamento e che oggi più che mai ha dimostrato che Abu Dhabi ha imboccato la giusta via per diventare un centro non solo economico ma anche culturale per i paesi del Golfo.

Emanuela Locci

Foto in evidenza da www.ArtDubai.ae

Redazione

Frammenti, rivista online di attualità e cultura, nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.
Redazione
Condividi: