fbpx

I vaccini tra paura e speranza | Il fatto della settimana

/
2 minuti di lettura

Il vaccino è visto come una speranza, come l’unica via per uscire dalla più grande crisi economico-sanitaria degli ultimi decenni. Gli ultimi mesi sono stati una vera e propria corsa contro il tempo per lo studio e per portare avanti il più velocemente possibile le varie fasi di test ed elaborazione dei piani di vaccinazione nazionale. 

Dopo aver proceduto con la vaccinazione del personale sanitario e (solo parzialmente) degli over 80 con i vaccini Pfizer e Moderna, la fine della fase di sperimentazione e la diffusione del vaccino AstraZeneca ha allargato la platea della popolazione vaccinabile. Sono state privilegiate le categorie del personale scolastico, del personale militare e delle forze dell’ordine. Nei primi giorni di diffusione del vaccino nei paesi europei, però, si sono verificati diversi casi di trombosi e alcuni decessi nei giorni successivi alla somministrazione. Il verificarsi di tali casi e il conseguente riverbero mediatico ha aperto una vera e propria crisi politico-scientifica. 

Il crescente allarmismo ha portato a uno stop delle somministrazione del preparato di Oxford con un coinvolgimento delle autorità competenti per un’ulteriore verifica della validità e del nesso di causalità tra la somministrazione dei vaccini e i casi verificatisi. Lo scetticismo della comunità scientifica è stato confermato dall’EMA che, lo scorso 18 marzo ha comunicato l’assenza di causalità tra il vaccino e i casi di trombosi o le morti verificatesi. Riparte quindi la vaccinazione anche con AstraZeneca. Le incognite sul piano vaccini però restano e non sono poche: la comunità scientifica si chiede – ad esempio – se il ritardo dovuto al recente stop e la diffidenza della popolazione sulla vaccinazione ritarderanno (e di quanto) il piano pensato con un solo obiettivo: la salute globale.

* * *

Italia o mondo. Che sia cronaca, politica o società, ogni settimana la Redazione Attualità di Frammenti Rivista sceglie per voi lettori “Il fatto della settimana”, quella notizia che proprio non potete perdervi. E poi vi dà anche qualche consiglio di lettura, direttamente dai nostri archivi. 
Il tutto, in meno di 300 parole. 

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.