fbpx
isola cinema

L’isola nel cinema: un luogo senza tempo e spazio

dalla newsletter n. 17 - Maggio 2022 di Frammenti Rivista

11 minuti di lettura

È di nuovo giorno. Chuck Noland (Tom Hanks) apre gli occhi disturbato dallo scrosciare delle onde sul bagnasciuga di una spiaggia. È su un’isola, intorno a lui non c’è niente e nessuno: solo un promontorio e un palmeto, del resto acqua a perdita d’occhio. Ancora stordito dal terribile naufragio della notte precedente, Chuck si alza indolenzito ed esce dal gommone d’emergenza dell’aereo che lo ha salvato; addosso ha ancora il maglione di Natale della sera precedente, ma attorno a lui l’atmosfera delle feste è piombata a picco insieme all’aereo.

Chuck si lascia dietro un’intera società, della quale rimangono solo i pacchi marchiati FedEx che trasportava l’aereo cargo su cui si era imbarcato. È solo. Dopo pochi passi si siede attonito, ancora scosso. Immediatamente il pensiero giunge al regalo di Natale fatto, non tanto tempo prima, dalla moglie; lo cerca freneticamente nelle tasche della giacca, lo trova. Funziona ancora? No, non sembra.

È ancora più solo. Tagliato fuori dallo spazio e ora anche dal tempo. Inizia così la lenta e dura lotta per la sopravvivenza in un mondo selvaggio, talmente “troppo naturale” da diventare una trappola.

L’isola di Cast Away: metafora dello straniamento dell’uomo moderno

cast away tom hanks

Cast Away del 2000 di Robert Zemeckis, con un fantastico Tom Hanks, non è che uno dei tanti film in cui l’isola, qui effettivamente co-protagonista, diventa una metafora indiscussa degli effetti dell’isolamento artificiale che la società – pericolosamente, ci sembra aggiungere Zemeckis – ha preso dalla rivoluzione industriale in poi. Chuck Noland è un uomo qualunque, di successo, come ce ne sono tanti al mondo, ha una vita come quella di tutti: frenetica, attivissima, non staziona mai effettivamente in un luogo, è completamente fuori dalla realtà del proprio pianeta.

Senza tanta ironia, Zemeckis butta Tom Hanks su un’isola deserta per farci intendere il livello di straniamento che un uomo qualsiasi riesce a raggiungere, in questo caso un self-made man, ovvero il prototipo di cittadino americano (e occidentale). L’isola diventa un’espediente e un banco di prova, perché l’isolamento che ha voluto Chuck ora lo deve affrontare, ricostruendo i ponti con la moglie dopo anni, e avendo, come unica compagnia tra le mani, la solitudine di un pacco FedEx (ma oggi diremmo Amazon).

L’isola di The Lighthouse: l’horror e l’isolamento da Hitchcock a Eggers, passando per Tobe Hooper

alfred hitchcock psycho isola cinema

L’isola nel cinema è soprattutto sfruttata nel genere horror e thriller, sia esplicitamente che implicitamente. Se infatti Robert Eggers decide di ambientar…

Andrea Marcianò

Studente alla Statale di Milano ma cresciuto e formato a Lecco. Il suo luogo preferito è il Monte Resegone anche se non ci è mai andato. Ama i luoghi freddi e odia quelli caldi, ama però le persone calde e odia quelle fredde. Ripete almeno due volte al giorno "questo *inserire film* è la morte del cinema". Studia comunicazione ma in fondo sa che era meglio ingegneria.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.