fbpx
Placeholder Photo

Lo Sherlock Holmes
anziano e malinconico
di Bill Condon

5 minuti di lettura

Nel nuovo film Mr.Holmes – il mistero del caso irrisolto firmato Bill Condon il detective più famoso del mondo, dopo aver abbandonato la sua professione ed essersi ritirato in campagna, trascorre una vita piuttosto tranquilla e monotona alle prese con la lotta contro le difficoltà della senilità e la perdita della memoria. Rimane, però, un piccolo dettaglio su cui far luce relativo al modo piuttosto sbrigativo con cui ha concluso la sua carriera da investigatore privato. La trama è condita da un non ben chiaro viaggio in Giappone, un disastro con le api della sua coltivazione e dall’amicizia del piccolo Roger, il figlio della sua domestica.

Il detective (interpretato dal sorprendente Sir Ian McKellen) portato in scena da Condon è assai differente da quello ritratto nei racconti del vecchio compare John Watson: non ha mai portato l’iconico berretto irlandese, non fuma la pipa, non sopporta vedere le storie che parlano di lui al cinematografo e, soprattutto, è tratto non dai celebri racconti del suo ideatore Sir Arthur Conan Doyle, bensì dal romanzo A slight trick of the mind (2005), scritto da Mitch Cullin. Si presenta, dunque, come uno Sherlock Holmes più “umano” rispetto a quello che tutti conoscono. Questa è la prima operazione di scarto dal mito che il regista compie per approdare a un realismo ipotetico, che caratterizza tutta la pellicola: paradossalmente, decostruisce l’intera mitologia innalzatasi intorno alla figura del detective per poi riaffermare il potere della leggenda sulla realtà.

Ian McKellen in mr.Holmes
immagine tratta da www.vgnetwork.it

Condon propone dunque su due differenti piani temporali a cavallo delle due guerre mondiali – il primo negli anni Venti, mentre il secondo negli anni Quaranta – due diversi ritratti di Holmes: quello del 1947 si presenta inesorabilmente invecchiato, mangia pappa reale e si reca in Giappone alla ricerca del pepe del Sichuan che dovrebbe arrestare l’incessante perdita della memoria; mentre quello degli anni Venti, è ancora in piena attività e non accetta la risoluzione proposta da un racconto di Watson dell’ultimo misterioso caso riguardante una donna, che ha finito per macchiarlo a vita. Tormentato da quest’ultima indagine legata ad un guanto femminile da poco ritrovato, il vecchio Holmes proverà a rivivere quei giorni e a seguire le tracce di quell’ultimo caso, che aveva causato il suo esilio auto-imposto in un cottage sulla costa meridionale del Sussex.

Il commovente Ian McKellen esibisce un vasto repertorio di anzianità – boccheggia, ha il respiro affannato, guarda nel vuoto, ha la bocca spalancata perchè necessita di ossigeno, ha le gambe pesanti e si appoggia ad un bastone e arranca – giungendo ad umanizzare colui che è sempre stato “disumano”, intelligente, freddo, cinico e glaciale nella gestione dei rapporti umani e fedele alla logica. L’attore porta dunque in scena se stesso e il suo mestiere: l’esagerazione della mimesi e la sostituzione tra personaggio – Sherlock Holmes, quello che ci si illude di guardare – e il suo interprete, ciò che la prestazione di McKellen ricorda al pubblico cosa in realtà sta vedendo. Mentre Condon si avvia nel distruggere il mito di Holmes privandolo del famoso intuito e sottraendolo delle sue capacità investigative, pone il detective di fronte ad un bivio: scegliere la verità o la leggenda. Nel corso dell’indagine e della scoperta di se stesso Sherlock Holmes scoprirà che forse la soluzione del mistero non dev’essere svelata e, anzi, necessita di essere coperta con una bugia.

Il pensionato Holmes, in grado di provare sentimenti e di piangere, portato in scena da Condon stupisce e allo stesso tempo conquista il pubblico proprio per la sua lontananza dal modello di Conan Doyle: un Holmes, dunque, mutato dall’immaginazione stessa di Watson e riproposto in chiave senile, che dopo una vita costellata da intrighi e misteri, trascorre una mesta, elementare ed appagante terza età.

Nicole Erbetti

Mr. Holmes, Ian McKellen
immagina presa da www.vulture.com

 

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.