fbpx

Lovere (Bergamo)

Abbiamo chiesto ai collaboratori di Frammenti Rivista di raccontarci i propri luoghi del cuore. L’obiettivo? Costruire una mappa delle bellezze del nostro Paese, viste con gli occhi di chi, questi luoghi, li ama davvero.

2 minuti di lettura

La scrittrice inglese Lady Mary Wortley Montagu lo definì come «Il luogo più romantico che abbia mai visto in vita mia»: Lovere è, infatti, uno dei Borghi più belli d’Italia. Appoggiato alle montagne e affacciato sul Lago d’Iseo, il comune della provincia bergamasca si presenta come un grande anfiteatro con palazzi e vicoli stretti. 

Lovere su Lago d’Iseo, veduta dal Caratello. Fonte: Wikipedia

Piazza Tredici Martiri ha la particolarità di diventare una sorta di galleria d’arte a cielo aperto. Infatti, di sera le facciate delle sue case si illuminano e diventano ora le tele dei grandi pittori, ora dei deliziosi quadretti natalizi. La piazza prende il nome da un episodio di rastrellamento fascista, in seguito al quale tredici giovani furono rinchiusi nel convitto Baroni di Bergamo, interrogati, maltrattati, picchiati e torturati. Nell’alba fosca e piovigginosa del 22 dicembre 1943, furono portati a Lovere dove, dopo averli fatti sedere sulle loro stesse bare, furono tutti fucilati. 

A Lovere si trova il più antico museo lombardo dell’Ottocento, l’Accademia Tadini. Un palazzo mozzafiato, con vetrinette che si fanno scrigno di porcellane, statue e lampadari di cristallo. Percorrendo i suoi corridoi si riesce a percepire il suono di violini e organi, a volte un refuso di epoche  passate. 

Accademia Tadini. Fonte: artribune.com

Il centro storico è tutto da scoprire, un saliscendi di vicoletti ombreggiati che portano a destinazioni inattese. Una di queste è la Torre Civica che svetta nella Piazza Vittorio Emanuele II. Questa piazza è da sempre considerata il centro del borgo, conosciuta anche come “Piazza degli Uffizi”, ospita gran parte delle istituzioni. Non è l’unica torre nella quale ci si imbatte: abbiamo anche Torre Soca del XIII secolo, la Torre degli Alghisi del XII secolo e la Torricella dell’antica cinta muraria. E poi ancora chiese, basiliche, santuari. Un borgo piccolo, ma con un valore inestimabile, un luogo nel quale non ci si può non sentire a casa.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci iscrivendoti al FR Club o con una donazione.

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Maria Ducoli

21 anni, bresciana, studentessa di Lingue, civiltà e scienze del linguaggio a Venezia. Dice di voler diventare una giornalista o un'insegnante. O entrambe le cose.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.