fbpx

Plants Play Orchestra arriva a Milano

Piante in armonia: la sinfonia segreta della natura prende vita a Milano. Da maggio a settembre 5 concerti unici nel loro genere: si parte il 4 giugno.

4 minuti di lettura

La magia della musica si mescola alla meraviglia della natura in un evento senza precedenti che sta per prendere vita a Milano e ci accompagnerà per tutta la lunga estate meneghina. La Plants Play Orchestraarriva in città con la sua sinfonia vegetale, trasformando piante ed alberi in veri e propri musicisti dall’animo vibrante. 5 appuntamenti da giugno a settembre 2024 nella location di spazio ARIA – ex Macello di Viale Molise. 

Il concept.

Immaginatevi immersi in un’atmosfera unica, circondati dal verde rigoglioso delle piante che emanano melodie incantevoli. Questa non è solo musica, è vita che si esprime attraverso suoni armoniosi e irresistibili. Le piante, esseri intelligenti e sensibili, vibrano seguendo il loro bioritmo, trasformando le proprie emozioni in note musicali che rapiscono l’anima.

Edoardo Taori, il visionario dietro questo straordinario progetto, ci guida in un viaggio sensoriale attraverso il regno vegetale. Con la sua passione contagiosa per la musica e la natura, Taori ci invita a lasciarci trasportare dalle melodie che emergono dalle foglie, dai fiori, dai tronchi degli alberi. Performer, scrittore e imprenditore, dal 2014 ricerca piante ed alberi straordinari per fargli comporre musica, con lo scopo di sensibilizzare l’essere umano al rispetto della natura. Laureato in Musicologia, con la grande passione per l’elettronica, l’informatica e la botanica, dal 2016 sviluppa l’idea di PlantsPlay occupandosi della realizzazione, della produzione e commercializzazione del dispositivo insieme al suo team composto da ingegneri elettronici, informatici e designer.

Taori dal 2018 dirige la Plants Play ORCHESTRA, la prima orchestra al mondo composta da Piante ed Alberi, che generano musica dal vivo. Negli anni ha realizzato decine di concerti in parchi e riserve naturali, per le principali associazioni ambientaliste italiane e per importanti Festival. Nel 2023 ha collaborato con Dardust alla performance “The Blooming Symphony” per l’apertura del Festival di Sanremo 2023 e con Enrico Lo Verso allo spettacolo Metamorfosi, andato in scena nei Teatri italiani.

Ma l’esperienza non finisce qui. Ogni concerto è arricchito dalla presenza di artisti straordinari che hanno sposato l’innovativo progetto. A partire dai cantautori In Arte Roger e Rossana De Pace, che saranno presenti in tutte e cinque gli appuntamenti, fino ai super guest che in ogni data si esibiranno in uno SHOWCASE con l’orchestra di piante. È un dialogo artistico uomo-matura unico, dove le note umane si intrecciano con quelle vegetali, creando un’armonia senza tempo.

Plants Play Orchestra non è solo uno spettacolo per gli occhi e per le orecchie, ma anche per il cuore. Grazie alla collaborazione con Green Future Project, con ogni biglietto venduto si contribuisce all’investimento in un progetto di riforestazione in Madagascar, aiutando a rigenerare un prezioso ecosistema e a migliorare le condizioni di vita delle comunità locali.

Il calendario

Da giugno a settembre: cinque concerti imperdibili, tutti a partire dalle 21.30. 

04 Giugno 2024

Special guest ANDY BLUVERTIGO

26 Giugno 2024

Special guest PIETRO MORELLO

18 Luglio

Special guest CRISTINA SCABBIA 

29 Agosto 2024

Special guest TORMENTO

26 Settembre 2024

Special guest SATURNINO

Prevendite online su www.kineticvibe.net e su Ticketone, Dice, Ticketsms ed Xceed.

Plants Play Orchestra – Summer in Milano 2024 sono eventi organizzati da Kinetic Vibe in collaborazione con Greenforlife.

Contatti Ufficio Stampa: valentina.vitagliano.vv@gmail.com – tel. 3403991935

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.