fbpx
eros incontra il sacro

Quando l’eros incontra il sacro: il desiderio nelle scritture

Alcune scritture sacre ci mostrano un lato sorprendente: l’amore tra uomo e donna è esaltato da parole cariche di pulsione erotica.

5 minuti di lettura

Quando l’eros incontra il sacro nasce qualcosa di inaspettato. Questo perché, leggendo la parola “sacro“, di certo la prima cosa che ci viene in mente non è legata al desiderio passionale. Ma alcune scritture ci mostrano un lato sorprendente, dove l’amore tra uomo e donna è esaltato da parole cariche di pulsione erotica.

L’eros ne «Il Cantico dei Cantici»

Ne è un esempio Il Cantico dei Cantici, letto sia dagli ebrei, solitamente durante la Pasqua, sia dai cristiani. Una lettura che è punto di congiunzione tra le due religioni e che in tono poetico e ardito ci rende partecipi delle parole che si dicono due sposi, Salomone e Sulammita:

Come son belli i tuoi piedi nei sandali, figlia di principe! Le curve dei tuoi fianchi sono come monili, opera di mani d’artista. Il tuo ombelico è una coppa rotonda che non manca mai di vino drogato. Il tuo ventre è un mucchio di grano, circondato da gigli. I tuoi seni come due cerbiatti, gemelli di gazzella. Il tuo collo come una torre d’avorio; […] Quanto sei bella e quanto sei graziosa, o amore, figlia di delizie! La tua statura rassomiglia a una palma e i tuoi seni ai grappoli. Ho detto: «Salirò sulla palma, coglierò i grappoli di datteri; mi siano i tuoi seni come grappoli d’uva e il profumo del tuo respiro come di pomi.

Il tuo palato è come vino squisito, che scorre dritto verso il mio diletto e fluisce sulle labbra e sui denti! Io sono per il mio diletto e la sua brama è verso di me.

Un estratto che vi sarà famigliare e che avrete riconosciuto probabilmente grazie al film C’era una volta in America, letto dalla bella e giovane Deborah allo straccione Noodles e che poi egli stesso lo ricorderà da adulto. Ma lo ritroviamo anche nel più leggero e divertente La famiglia omicidi, dove un’insolita governante interpretata da Maggie Smith, ricorda al reverendo anglicano protagonista proprio le parole tratte da il Cantico di Salomone per aiutarlo a riaccendere la passione fra lui e la moglie.

eros sacro
Gustave Moreau, Cantico dei cantici (acquerello, 1893)

L’eros incontra il sacro nel Talmud

Anche nel Talmud, uno dei testi sacri dell’ebraismo, non mancano riferimenti espliciti riguardo al piacere nell’atto della procreazione. Ce lo ricorda anche la recente miniserie di Netflix Unorthodox quando la protagonista Etsy, che prova dolore durante il rapporto, ricorda al marito che proprio il Talmud è molto specifico riguardo il piacere sessuale che deve provare anche la donna.

Leggi anche:
«Camere separate» di Pier Vittorio Tondelli: il cuore fra sacro ed eros

Dalla cultura ebraica arrivano passi degni del più alto poeta romantico. E non mancano le occasioni per recitarle nei film. In Yentl, ad esempio, film cantato e diretto da Barbra Streisand, la protagonista, travestita da uomo, legge questa lettera sacra scritta più di cinquemila anni fa da un rabbino, Nachmonides:

Discorri con lei per metterla a suo agio. Dille parole che le ispirino amore, desiderio e passione… e parole di deferenza verso Dio. Non forzarla mai. Il suo umore deve essere come il tuo. Vincila con delicatezza e con seduzione. Sii paziente finché la sua passione non sia desta. Comincia con amore e quando è nell’umore giusto fa che sia soddisfatto per primo il suo desiderio. Quello che conta è il suo piacere.

Tutti i riferimenti erotici religiosi esprimono il desiderio naturale all’interno di una coppia sposata. Dopotutto sono pur sempre testi sacri dove la formazione della famiglia è un elemento fondamentale e non possiamo certo pensare di trovare passi erotici di altra natura considerando il luogo dove ci troviamo. Tuttavia ciò non sminuisce la poesia e la passione con le quali sono scritte, parole di vero amore, sia che siate persone religiose o meno.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Immagine di copertina: dettaglio Gustave Moreau, Cantico dei cantici (acquerello, 1893)

Azzurra Bergamo

Classe 1991. Copywriter freelance e apprendista profumiera. Naturalizzata veronese, sogna un mondo dove la percentuale dei lettori tocchi il 99%.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.