fbpx
eraclito

In ascolto di Eraclito: per un’insolita pratica filosofica

3 minuti di lettura

L’oscuro, il tuffatore delfico, il filosofo piangente, sono solo alcuni degli epiteti più celebri con cui Eraclito di Efeso (535-475 a.C.) viene ricordato nella storia del pensiero. Benché questo pensatore dimori all’origine dell’Occidente e tanto tempo ci separa dal suo pensiero, non è poi così lontano da noi anzi torna a parlarci, a turbarci non appena ci poniamo in suo ascolto. 

Leggi anche:
In quarantena con filosofia: sul valore del tempo

Poco si sa della sua vita, a Diogene Laerzio dobbiamo qualche aneddoto curioso. Viene descritto come un uomo di carattere scontroso e di temperamento solitario pronto a polemizzare con i suoi concittadini quando qualcosa non gli andava di buon grado. Racconti talvolta contradditori, in cui la verità si mescola con la leggenda. C’è da crederci? Forse no, tuttavia è proprio attraverso di essi che possiamo cogliere la fama che circondò questa grande figura del passato. Uno spirito profondo ed acuto, «il suo grandioso pensiero somiglia all’anima di Amleto: ognuno lo capisce, ma ciascuno in modo diverso»[1].

eraclito
Eraclito e Democrito, Pozzo Andrea. Olio su tela, 74×98.5

Chi cerca risposte, in Eraclito non ne troverà. Leggere quello che resta della sua opera- esigui frammenti caratterizzati da uno stile quasi oracolare- è una vera impresa.  A pensarci bene si tratta di un esercizio filosofico notevole sì, ma avvincente: parole sospese che rimandano ad un pensiero difficile da circoscrivere. Così non resta che porci in ascolto di una filosofia che cerca e «Vuole profondità, contenuto intrinseco, chiarezza, non la totalità del sapere»[2]

Leggi anche:
Chiacchiera e sapere: un problema discorsivo

Intuisce l’uno nei più, l’essere nel divenire, una latente e affascinante armonia tra le cose. «Esiste una sola sapienza: riconoscere l’intelligenza che governa tutte le cose attraverso tutte le cose»[3]. Riesce così con un unico pensiero, il logos, ad integrare tutti i punti di vista parziali ed incompiuti degli uomini, incapaci di comprendere questo pensiero universale. Secondo Heidegger: «Eraclito coglie in un linguaggio quasi poetico il senso dell’archè».[4]

Una voce fuori dal coro che non dice, ma si fa invito per quell’uomo che sa destarsi riconoscendo così «l’intelligenza che governa tutte le cose attraverso tutte le cose»[5].

Nunzia Capasso

Note:
[1] O. Spengler, Eraclito, Settimo Sigillo, Roma, p.7.
[2] Ivi, p.14
[3] Eraclito, Frammento 41
[4] M. Heidegger e E. Fink, Eraclito, Roma-Bari, Editori Laterza, p.47.
[5] Eraclito, Frammento 64.

Immagine di copertina: Il Ponte di Eraclito, René Magritte, 1935

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.