Festival di Bellagio e del Lago di Como 2015:
«Musica di qualità, non semplice intrattenimento»

Il 23 giugno 2015, alle ore 21.00 presso il Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio, si inaugurerà la quinta edizione del Festival di Bellagio e del Lago di Como, la rassegna culturale che, ideata e diretta fin dal 2011 dalla pianista e compositrice italiana Rossella Spinosa, intende attraversare tutta la regione del Lago di Como con numerosi appuntamenti.

Conferenza«L’edizione di quest’anno del Festival è importante non solo perché è l’anno di Expo, e dunque l’elemento internazionale è di rilievo, – afferma Spinosa– ma anche perché è un momento di svolta. L’obiettivo del 2015 era quello di creare un salone universale delle arti; infatti sarà presente una forte contaminazione tra musica, teatro e cinema, attraverso specifici omaggi a diverse nazionalità. Il festival, quest’anno, ha anche la possibilità di essere itinerante, toccare molte municipalità, al fine di creare una forte empatia tra municipalità, realtà territoriale e turismo. Le migliori location del Lago di Como verranno così ancora più valorizzate, grazie a questi appuntamenti».

Entusiasta anche il sindaco di Bellagio Angelo Barindelli, che ricorda che «il Festival è l’evento principale dell’offerta culturale e turistica di Bellagio. Negli scorsi anni – continua il sindaco – c’è stato un grande apprezzamento per la rassegna sia da parte dei cittadini sia da parte dei turisti che hanno soggiornato nei nostri alberghi, poiché abbiamo sempre proposto un programma di qualità, affidandoci alla competenza del maestro Spinosa. Il Festival è diventato oggi un evento che trascende i confini territoriali, perché abbraccia il territorio delle due province di Como e di Lecco. Sappiamo che Bellagio è un piccolo paese che vive di turismo e che i tempi non sono facili. Tutti i comuni da un lato devono fare i conti con le risorse, che sono sempre più esigue, e dall’altro rendere la spesa sempre più appropriata, scegliendo tra le varie voci quelle che danno risultati migliori. Il Festival di Bellagio è stato da noi ritenuto come un investimento che non è da tagliare o ridurre, perché è un corollario fondamentale per tutta la nostra economia turistica, dunque abbiamo voluto continuare ad investire in questa offerta culturale e turistica. Un ringraziamento particolare va a tutti gli enti e gli sponsor che ci hanno finanziato».

LocandinaDello stesso parere il consigliere di Regione Lombardia Alessandro Fermi: «Una nuova amicizia è nata tra il Festival e Regione Lombardia, che, credendo in questa iniziativa, le ha dato un segnale importante, finanziandola sia come contributo dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, sia per il tramite di Sistema Como 2015. Si è voluto così incentivare il punto che in Expo avrà maggiore attrattività, Bellagio. Il Festival dà infatti la possibilità a Bellagio, che è già la perla del Lago, di incrementare la propria economia turistica. Quando si parla di cultura e turismo – prosegue Fermi – se vogliamo investire dobbiamo investire bene. Iniziative come il Festival, da un punto di vista culturale, offrono molto e come tali devono essere sostenute dal pubblico. Questo progetto avrà sicuramente un ritorno d’immagine importante per il territorio ed è dunque per la Regione Lombardia un investimento valido».

Altra importante novità di quest’anno sarà la collaborazione con I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra in Residenza della V edizione del Festival di Bellagio e del Lago di Como, che realizzerà ben sette appuntamenti nel cartellone 2015 (Bellagio, Como, Erba, Galbiate, Lenno, Lezzeno, Varenna). Non mancheranno altri ospiti illustri, come gli attori Pamela Villoresi e Angelo Pisani, l’Orchestra Neue Philharmonie München e la Cappella Musicale del Duomo di Milano, l’Orchestra Filarmonica Italiana per uno speciale omaggio a Charlie Chaplin. Vanto del Festival nel 2015 sarà anche la produzione di un’opera nell’ambito della Rassegna Lirica di Grandate, con l’allestimento di Cambiale di Matrimonio di Rossini, nonché i numerosi concerti in altre manifestazioni della Bellagio Festival Orchestra e, infine, l’inserimento in programma della Finale del Premio Liszt per pianisti-compositori. Tutti gli appuntamenti saranno ad ingresso gratuito e, solamente tre incontri, organizzati con Rockefeller Foundation, saranno ad offerta libera, devoluta poi a favore dell’asilo di Bellagio. «La musica eseguita ques’anno è trasversale – conclude Spinosa – e va incontro davvero ai gusti di tutti. Il nostro intento è quello di mantenere gli impegni presi, per fare musica e cultura di qualità e non semplice intrattenimento. Un ringraziamento speciale alle istituzioni».

Per vedere nello specifico il cartellone del Festival, qui il link: http://www.bellagiofestival.com

Chiara Zanotta

bellagiofestival

 

Redazione

Frammenti, rivista online di attualità e cultura, nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.
Redazione
Condividi:

One Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.