fbpx

Il teatro non va in vacanza: i festival estivi

L'estate è anche il periodo di importanti festival teatrali, e non solo. Da nord a sud, quali sono i principali?

5 minuti di lettura

L’estate è ormai avviata, anche grazie all’arrivo del caldo tanto atteso (non lamentiamoci, se il clima è così imprevedibile è solo colpa nostra), e molte realtà teatrali, dopo la chiusura delle varie stagioni, aprono i loro spazi per festival all’aperto ed esperienze residenziali. Abbiamo fatto un breve elenco di alcuni festival estivi, anche se sicuramente ce ne sono altri che purtroppo non siamo riusciti a localizzare.

Veleia – Festival di Teatro Antico

Dal 17 giugno fino al 21 luglio nella suggestiva cornice dell’area archeologica di Veleia Romana sono stati rappresentati e saranno messi in scena un totale di sei spettacoli di Teatro Antico. Il Festival è stato aperto da Alessandro Bergonzoni in Sempre sia rodato: 20 prove aperte al chiuso o viceversa, seguito poi da Ifigenia in Aulide con la regia di Fausto Russo Alesi. Dopo tre repliche di questo spettacolo sono andati in scena Marco Baliani in Quando gli dei erano tanti e Stefano Massini in Stefano Massini racconta il mito.

A luglio ci si concentra sul lavoro di César Brie con Anchise il 14 Luglio, testo ispirato all’Eneide di Virgilio. Chiude il Festival con tre repliche, dal 19 al 21 luglio, Il lago dell’Oblio, nuovo lavoro del drammaturgo, regista e attore argentino. Anche in questo caso l’ispirazione è l’Eneide di Virgilio, ma nel contesto del canto della discesa agli inferi.
Il link del festival: https://www.veleiateatro.com/

Leggi anche:
Cosa può fare il Teatro in mezzo ai grandi eventi storici come il conflitto Israelo-Palestinese?

Spoleto – Festival dei due mondi

Dal 28 giugno fino al 14 luglio è attivo il Festival dei due mondi di Spoleto, storico festival di teatro arrivato fino alla sua 67esima edizione. Il festival comprende spettacoli di tutti i generi: musica, danza, teatro musicale e prosa.

Il 13 luglio andrà in scena takemehome di Dimitri Chamblas e Kim Gordon. Dal 12 al 14 luglio sarà la volta di La morte a Venezia di Liv Ferracchiati. Al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti va in scena, nelle stesse date, Deepstaria di Wayne McGregor, direttore della Biennale Danza e coreografo residente del Royal Ballet di Londra.

Il 13 e il 14 luglio andrà in scena lo spettacolo Piano piano di Adrien Mondot in cui crea un dispositivo inedito che mescola giocoleria digitale all’universo del musicista BABX. Sabato 13, Dado Moroni, Eddie Gomez e Joe La Barbera suoneranno per il Jazz Club di Palazzo Collicola.
Il link al programma: https://www.festivaldispoleto.com/spettacoli/programma

InVisible Cities

Tra 28 agosto e 1 settembre a Gorizia e Nova Gorica e a Gradisca d’Isonzo tra 4 e 8 settembre ci sarà InVisible Cities. Arrivato alla sua decima edizione, il festival è urbano multimediale: esso, infatti, vuole promuovere un approccio intermediale attraverso la contaminazione tra diverse arti espressive.

Il filo conduttore di questa edizione è il tema dei corpi e delle identità, del maschile e del femminile, tra autopercezione e stereotipi.
Il link alla pagina del Festival: https://invisiblecities.eu/invisiblecities24

Leggi anche:
Giovani che si guardano indietro per riflettere: Kerkìs Teatro Antico in Scena

Macerata Opera Festival

Per i melomani dal 19 luglio al 11 agosto va in scena la 60esima edizione del Macerata Opera Festival. Il programma prevede la rappresentazione di Turandot, Norma, La Bohème e di tre concerti: Notte di Luna, Notte Morricone e Carmina Burana.

Tutte le rappresentazioni avvengono all’Arena Sferisterio.
Il link al programma del festival: https://www.sferisterio.it/macerata-opera-festival-2024

Hemera Festival – Teatro Selvatico

Per chi invece volesse sfruttare il periodo estivo per riconnettersi con la natura – e in questo caso anche attraverso le arti – può considerare di partecipare a Hemera Festival di Teatro Selvatico.

Tra il 28 agosto e il 2 settembre a Torre Mondovì, dove vi è la sede di Teatro Selvatico, le giornate del festival saranno costellate di workshop e performance dedicate al corpo, al rapporto che abbiamo con la natura e dunque focalizzate sulla consapevolezza delle nostre radici. Hemera Festival è un’esperienza residenziale per ritornare alla nostra primordialità, per guardare il mondo con occhi nuovi.
Il programma: https://www.teatroselvatico.eu/festival/

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Marialuce Giardini

Diplomata al liceo classico, decide che la sua strada sarà fare teatro, in qualsiasi forma e modo le sarà possibile.
Segue corsi di regia e laboratori di recitazione tra Milano e Monza.
Si è laureata in Scienze dei Beni Culturali nel 2021

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.