Gaston Miron, una rivoluzione in poesia

Una perla nell’ostrica, un papavero nel campo di grano, l’eccezione alla regola: ecco cos’è il Québec all’interno del Canada. È la più grande regione francofona del continente americano e per anni ha cercato di spezzare le catene che lo legano alla cultura e alla lingua britannica imposta nei secoli. Il disagio per anni di assoggettamento culturale si è fatto nel tempo sempre più arguto e ha trovato il suo naturale desiderio d’indipendenza e di rivolta non solo nella politica, ma anche nelle poesie di Gaston Miron.

Gaston Miron, poeta simbolo dell’orgoglio quebecchese

A vederlo sembra un mite impiegato di un qualsiasi noiosissimo ufficio, coi capelli scuri ben schiacciati sul capo, la riga da un lato e il volto sempre glabro. Chi lo direbbe che, invece, dietro un paio di occhialoni dalla spessa montatura, sorretti da un nasone squadrato, si nasconde il poète engagé per eccellenza della letteratura quebecchese? Colui che coraggiosamente ha attuato la tanto attesa rivolta culturale e sociale, che ha denunciato l’alienazione delirante che sovrastava il suo popolo, che è sceso in piazza per rivendicare la sua identità e quella collettiva.

Gaston Miron

È solo un bambino Gaston quando apprende della sua condizione di canadese-francese, quando si sente urlare alle spalle «Maledetto canadese-francese, torna a casa tua!»: un fantasma, quello dello sentirsi straniero in casa propria, che lo perseguiterà sempre, e farà suonare in lui la campana del nazionalismo. Sin da ragazzo inizia a frequentare diversi movimenti giovanili, dei quali diventa instancabile animatore grazie alla sua spiccata personalità e voce-megafono delle proteste.

L’attività poetica di Gaston Miron

Parallelamente inizia a scrivere poesie, e all’università conosce Olivier Marchand, con il quale nasce un’amicizia fraterna, cementata dalla fondazione dell’Hexagone, casa editrice che si pone l’obiettivo di promuovere e aiutare i giovani poeti quebecchesi e far emergere la passione per le proprie radici in lingua francese.

Leggi anche:
«Nuova poesia americana»: l’ambizioso progetto della Black Coffee

La prima pubblicazione fu Deux Sangs, raccolta poetica dei giovani Marchand e Miron, nella quale quest’ultimo racconta tutta la sua insofferenza, non solo per la situazione sociopolitica, ma anche per le proprie tragiche esperienze di vita. L’infanzia segnata dalla prematura morte del padre e l’adolescenza col trasferimento dal piccolo paese natale alla gigantesca Montréal, dove si trova alienato e fa l’apprendistato dell’umiliazione e della povertà attraverso piccoli lavoretti. Questo disagio interiore fluisce nelle sue vene ed emerge dal corpo, con il quale ha un rapporto brutale: si vede infatti decadente e agonizzante, in attesa della morte.

La carriera politica

Contemporaneamente Miron intraprende la carriera politica in diversi partiti e movimenti di sinistra. Gli anni ’60 in Québec sono segnati dal fermento che porta alla Rivoluzione tranquilla in seguito alla morte dello storico governatore locale Maurice Duplessis. L’era Duplessis, 18 anni, era stata un periodo di governo autocratico caratterizzato dall’alleanza con la Chiesa cattolica, da sentimenti spiccatamente anticomunisti e da politiche di stampo fortemente conservatore.

gaston miron

Chiusa questa pagina, la società civile e i movimenti fioriscono. In questo contesto nasce il Fronte di Liberazione del Québec, gruppo terroristico di estrema sinistra, paragonabile per azioni e organizzazione alle nostre Brigate Rosse, che porta avanti le proprie rivendicazioni indipendentiste a forza di azioni terroristiche, che culminano con il rapimento di due funzionari pubblici: il 5 ottobre 1970 il diplomatico inglese James Cross e il 10 ottobre Pierre Laporte, vicepremier e ministro del lavoro del Québec, che verrà ritrovato morto sette giorni dopo nel bagagliaio di un’auto.

Leggi anche:
Anteo Zamboni | Uomini in rivolta

La risposta del governo canadese, guidato da Pierre Trudeau (padre dell’attuale premier Justin), è durissima e si concretizza in misure di guerra, che portano all’arresto di centinaia di inermi attivisti e politici di sinistra, tra i quali Miron, portato via di notte dalla polizia sotto gli occhi della madre e della neonata figlia Emanuelle, per poi essere rilasciato tredici giorni dopo.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci iscrivendoti al FR Club o con una donazione.

Miron poeta nazionale

Nello stesso anno Miron pubblica il suo capolavoro, L’homme rapaillé, nel quale fonde temi sociali alla miseria dell’animo e all’amore. Poesie che diventano veri e propri manifesti, come La Marche à l’amour, e gli valgono il riconoscimento del suo paese come poeta nazionale e prestigiosi premi di poesia anche all’estero. Gli vengono dedicate conferenze universitarie, documentari, retrospettive, e le masse lo acclamano come profeta detentore del loro grido d’insofferenza.

Leggi anche:
I «Cahiers»: oltre la poesia di Paul Valéry

Gaston Miron si spegne a soli 68 anni nel 1996 a causa di un cancro, non senza aver lottato per il al referendum sull’indipendenza dell’anno prima, perso per un esiguo 0,8%. Storia tutt’altro che chiusa quella del Québec, che può ritrovare identità e radici nelle poesie del suo poeta rivoluzionario che ha sempre preferito imbracciare la penna piuttosto che le armi, e sparare laconici versi, quelli sì, più potenti dei proiettili.

andrò verso la mia morte popolata di rumori e di detriti
ritroverò la mia nuda proprietà

Nicolò Corbinzolu

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.