#IntellectualDoodle – Giorgio Morandi:
125 anni dalla nascita del pittore

giorgio-morandiOggi, 20 luglio 2015, Google festeggia il 125esimo compleanno del pittore e incisore bolognese Giorgio Morandi (20 luglio 1890 – 18 giugno 1964) con un doodle che richiama le sue celebri nature morte, composte da tazze, bottiglie, caffettiere e vasi. Questi, insieme ai paesaggi, sono infatti i soggetti principali dipinti nelle opere dell’artista, che, rielaborando continuamente gli stessi temi, intende studiare gli elementi che compongono la quotidianità e il mondo visibile e sensibile che lo circonda. Nonostante nelle sue nature morte gli oggetti rappresentati siano sempre gli stessi, l’uso sapiente del colore, caratterizzato da poche e tenui tonalità, e la capacità di ricreare atmosfere reali, hanno designato Giorgio Morandi come uno dei pittori italiani più importanti del Novecento, nonché incisore di fama mondiale.

Nato a Bologna nel 1890, l’artista fin da giovanissimo si appassiona all’arte figurativa e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Bologna. I modelli che segnano la sua formazione sono Paul Cèzanne, Pablo Picasso, Henri Rousseau e André Derain, ma grande ammirazione è rivolta anche ai maestri del Rinascimento fiorentino. Il 1914 rappresenta per Morandi una data fondamentale, poiché inizia ad esporre le sue opere a fianco del gruppo futurista, sebbene rimanga indipendente dal movimento marinettiano e si senta piuttosto vicino al cubismo. Nel 1918-1919 si apre un’altissima stagione metafisica, ma anche in questo caso l’artista rivendica la sua autonomia dalla scuola di De Chirico, proseguendo in seguito lo studio dei soggetti da lui amati in modo totalmente personale. Oltre che per le sue doti pittoriche, Morandi ottiene molta stima anche grazie alla sua carriera di insegnante, che comincia alle scuole comunali di disegno nel 1914 e culmina nel 1930 con il conferimento della cattedra di incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove insegnerà fino al 1956.

Chiara Zanotta

Natura morta Morandi

 

 

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.