fbpx
Pizzi

Intervista a Pier Luigi Pizzi, protagonista del Rossini Opera Festival 2018

/
5 minuti di lettura

Per il Barbiere di Siviglia di Pier Luigi Pizzi, rappresentato il 13 agosto al Rossini Opera Festival 2018 di Pesaro, di Pier Luigi Pizzi, vi sono già state varie definizioni, più positive che negative, come quella che fra l’altro condivido di Carla Moreni: «Barbiere Rivoluzionario».

Abbiamo incontro il maestro Pier Luigi Pizzi, che quest’anno oltre a presentare un Barbiere di Siviglia, veramente innovativo, ha seguito integralmente il Rossini Opera Festival

Maestro Pizzi, è contento della definizione di «Barbiere Rivoluzionario»?

Si sono contento, perché rivoluzionare una lettura classica, che già il compianto Alberto Zedda, nella sua revisione critica all’opera, aveva sottolineato, vuol dire avere fiducia nell’opera stessa. In questo caso Il Barbiere di Siviglia, che ha una tradizione di commedia classica che deriva da Plauto, Macchiavelli, Moliere e la commedia all’italiana di Goldoni. La realizzazione del Barbiere di Siviglia a Pesaro, ha comportato una serie di lavori seguendo la preparazione per un allestimento teatrale con incontri intorno ad un tavolo per decidere i recitativi, e soprattutto il rispetto fra la dimensione teatrale e quella musicale. Io ho seguito tutte le prove musicali del Barbiere di Siviglia e il direttore d’orchestra ha seguito tutte le prove di messinscena.”

Pizzi
Pier Luigi Pizzi – fonte: Studio Amati Bacciardi

Lei quest’anno ha più volte definito i personaggi rossiniani dei mostri. Perché?

Analizziamo i personaggi del Barbiere di Siviglia: non sono protagonisti, ma sono personaggi cinici, calcolari e egoisti. In particolare Bartolo e Basilio hanno questi vizi che però sono visti in un discorso di squadra e non di divismo o di eccessi. Con Spagnoli in particolare che ha interpretato don Bartolo, abbiamo studiato in maniera minuziosa il recitativo, che in questo Barbiere è stato integrale, con un recupero anche nel finale sottraendo la parte al conte D’Almaviva. Spagnoli merita un elogio, anche perchè sia a lui che a Pertusi che ha interpretato don Basilio, ho aggiunto dei tic, balbuzie e erre moscia, facendoli diventare da parruconi e buffoni, come sono stati rappresentati per anni, in personaggi del quotidiano, più realistici e più amati”

Uno dei giudizi positivi al suo Barbiere di Siviglia è l’uso del bianco della luminosità. Ma non è una novità, visto che già in Così fan tutte di Mozart, lei aveva adottato questi stilemi cromatici in una essenzialità scenografica come nel Barbiere pesarese?

Per molto tempo siamo stati abituati al Barbiere di Siviglia non solo con i parrucconi, ma con le stanze scure, barocche, mobili pesanti. Io ho voluto rendere al meglio la luce. I personaggi vivono a tutto tondo in questo contesto, che mi rendo conto può essere cinematografico. Il riferimento iniziale è al capolavoro La passione di Giovanna d’Arco di Dreyer, anche questo film fatto di sequenze pittoriche, è dominato dalla luce.

Pier Luigi Pizzi
il Barbiere di Siviglia al ROF 2018 – fonte: Studio Amati Bacciardi


Perchè ho voluto adottare questo contesto meta filmico in teatro?

Perchè il mio intento è quello di mostrare in teatro più i gesti dei protagonisti, i loro volti. Andare addosso alla loro personalità. Mi rendo conto che è stata un’operazione coraggiosa, ma necessaria. Prendiamo ad esempio Rosina, che deve essere credibile fisicamente; una bambina, intelligente e astuta. Il giovane principe al di là della bellezza, deve essere l’eroe del travestimento e Figaro deve essere mercurio, argento vivo che trascina tutti. Ho voluto fare teatro con e per i giovani’

Leggi anche:
«Ricciardo e Zoraide» apre il Rossini Opera Festival 2018 di Pesaro

Maestro Pizzi i suoi prossimi impegni?

Presto ritornerò nelle Marche, precisamente a Fano, Fermo e Ascoli Piceno con Così fan tutte di Mozart. Poi sarò al Petruzzelli di Bari per Tancredi, al Regio di Torino per Madame Butterlfly. E poi a gennaio 2019 sarò a Catania con Il Flauto magico con una impostazione massoinca, (ndr che si discosta dal discusso Flauto magico di Vick). E infine nel 2020 sarò di nuovo a Pesaro al Rossini Opera Festival con Moise et Pharaon

Auguri maestro

a cura di Paolo Montanari

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.