fbpx
Placeholder Photo

Khalil Gibran: poeta militante
e geniale autore poliedrico,
ponte tra Occidente e Oriente

4 minuti di lettura

Khalil Gibran è un autore complesso e poliedrico, ma forse il suo lascito più grande è stato aver gettato le basi per l’integrazione tra la cultura occidentale e quella orientale, portando nei suoi libri concetti sovra-religiosi vicini non alla sensibilità dell’islamico o del cattolico, ma a quella dell’Uomo.

Khalil_Gibran,_ma'sat

Artista, poeta, scrittore, teologo e filologo: non è facile definire sotto un’unica etichetta l’eclettico Khalil Gibran, al secolo Gibran Khalil Bin Mikhā’īl Bin Sa’ad, nato nel 1883 a Bsharri, all’epoca nella Siria ottomana, attualmente nel Libano settentrionale.

Nato in una città di cristiani maroniti in una famiglia estremamente povera, Gibran non riceve un’istruzione scolastica tradizionale, quantomeno durante l’infanzia: dal momento che il nonno materno è sacerdote cattolico, la sua educazione è soprattutto religiosa, legata allo studio della Bibbia, del siriano, lingua ufficiale della chiesa maronita, e dell’arabo.

L’infanzia di Gibran è segnata da vicende burrascose: il padre, anch’egli Khalil, esattore fiscale, viene incarcerato per presunta appropriazione indebita e le autorità giudiziarie confiscano le proprietà familiari, al punto che nel 1894, quando Khalil padre viene rilasciato, la famiglia si ritrova senza una casa.

È a questo punto che la vita della famiglia Gibran ha una svolta: la madre Kamila decide di raggiungere suo fratello negli Stati Uniti e, portando con sé il figlio Khalil, le due figlie, Sultana e Mariana, e il fratellastro, parte alla ricerca di una felicità e di una fortuna difficili da trovare nella sua terra natia.

I Gibran trovano così casa nel South End di Boston, all’epoca la seconda più grande comunità di libanesi negli Stati Uniti, dove la madre comincia a lavorare come venditrice ambulante, proponendo le proprie creazioni sartoriali. Negli Stati Uniti, il giovane Khalil ha finalmente l’occasione per iniziare un percorso scolastico regolare: nel 1895 viene inserito dai funzionari preposti alla gestione degli immigrati in una classe apposita, dove viene insegnato l’inglese agli stranieri.

In questo stesso anno, inoltre, Gibran si iscrive a una scuola d’arte, dove gli insegnanti lo mettono in contatto con Fred Holland Day, figura importante nella sua formazione intellettuale, che lo incoraggia e sostiene al punto che alcuni disegni di Gibran, notati da un editore, finiscono sulle copertine di libri.

A quindici anni, Gibran, tornato nel frattempo in Libano, inizia a ricevere un’istruzione più avanzata: dopo la scuola preparatoria, viene accettato all’istituto superiore, dove insieme a un compagno fonda una rivista letteraria e comincia a essere notato per il suo talento poetico, che gli procura la fama di “poeta della scuola”.

Leggi l’articolo completo sul periodico cartaceo de “Il fascino degli intellettuali”. Dal 26 gennaio in libreria, in pdf o direttamente a casa tua.

Per ulteriori info e/o per acquistare:
https://www.frammentirivista.it/cartaceo 

Sfoglia l’anteprima

[product id=”17919″]

[product id=”17918″]

 

Giulia Malighetti

23 anni, laureata a pieni voti in Lettere Classiche alla Statale di Milano, amante della grecità antica e moderna spera, un giorno, di poter coronare il suo sogno e di vivere in terra ellenica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.