La fortuna

«La fortuna»: incontro di due grandi della letteratura per parlare della ludopatia

La fortuna di Omar Nedjari e Marika Pensa tratta dal (non famosissimo) testo di Carlo Goldoni, Il Giuocatore e dal (molto più conosciuto) testo di Dostoevskij, Il giocatore, va in scena per la prima volta al Teatro Delfino.

La fortuna
Foto di Emanuele Iuculano

Li abbiamo visti nell’omonimo mediometraggio sponsorizzato anche dal progetto di Milano No-Slot finalizzato alla sensibilizzazione sulle ludopatie, veri e propri malanni che stanno infettando sempre più persone in Italia e soprattutto i giovani.

Leggi anche:
La lettera: quella volta che Dostoevkij fu quasi ammazzato

Una drammaturgia ben combinata 

Gli autori de La fortuna sono stati capaci di amalgamare perfettamente le due fonti da cui hanno tratto un testo unico e scorrevole. Accanto alle maschere classiche della commedia goldoniana ci sono Florindo, consumato dalla sua mania, inseguito dai mostri della sua mente e dalle voci degli amati che ha deluso, e Beatrice, donna qui capace di manovrare la mente del protagonista a suo piacimento.

La fortuna
Foto di Emanuele Iuculano

Riflessioni sul gioco tratte dal romanzo, scambi di battute significativi tra i due promessi sposi Florindo e Rosaura elevano la commedia a un livello più profondo, senza rinunciare agli immancabili dialoghi da teatro dell’arte tra Brighella e Pantalone.

Una storia che racconta in modo semplice, ma non per questo scontato, la veloce caduta verso il baratro della dipendenza.

Raccontare una bruttura

Ricco di immagini intense, lo spettacolo punta anche ad un’estetica che è gradevole all’occhio e porta il pubblico a seguire le scene con piacevolezza.

La Fortuna si presenta proprio come uno scrigno pieno di tesori: luci al neon molto brillanti che si mescolano a tendaggi dall’aspetto consumato che separano i diversi luoghi della storia, le voci degli attori che fanno da colonna sonora e da ricordo del protagonista, una mescolanza tra classico e moderno che crea un’immagine del tutto nuova, inscindibile nelle sue due parti.

La fortuna
Foto di Emanuele Iuculano

Una dualità che si ripete dunque a rappresentanza della conflittualità insita nel giocatore: la voglia di continuare a tentare la sorte e la paura di deludere i propri cari.

Una divisione causata dal gioco

Florindo è un giocatore diviso: è promesso a Rosaura, figlia di Pantalone, ma è invaghito della bella Beatrice, manipolatrice capace. È anche diviso tra due mondi: il mondo reale affumicato dal gioco e da notti insonni, e quello dei sogni, abitato dall’astuto Arlecchino. Questi è il gioco: astuto, ladro, complice e accusatore, allegro e insidioso.

La fortuna
Il giuocatore – Carlo Goldoni

Affiancato da Brighella, che cerca di aiutarlo invano, il protagonista si caccia in una spirale folle di debiti di gioco che lo porterà a rubare con l’inganno la collana della sua stessa fidanzata.

Leggi anche:
“L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”: tra filosofia e malattia

Scena eccezionale nella realizzazione perché vediamo Florindo coperto dal velo della sua malattia chiedere e tendere la mano, che sembra sincera, verso l’amata per privarla della collana che è appartenuta a sua madre e alle generazioni prima di lei. Un distacco del protagonista dalla realtà che lo porterà a raggiungere il punto più basso della sua vita, tanto da perdere quella stessa collana.

Un’unione fortunata

Il forte collegamento alla tradizione teatrale italiana del settecento, l’unione con un romanzo di uno degli autori più importanti della letteratura e la tematica significativa, rende La fortuna uno spettacolo ampio nella sua semplicità, che tocca molti ambiti della nostra cultura e soprattutto della nostra società tutt’oggi ancora fragile e non del tutto capace di affrontare problemi segnanti come quello della ludopatia.

Leggi anche:
“Il teatro comico” di Goldoni nella regia di Latini: caleidoscopio estetico fra Arlecchini e precarietà

Marialuce Giardini

Redazione

Frammenti, rivista online di attualità e cultura, nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.
Redazione
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.