fbpx
Placeholder Photo

La grande illusione d’Egitto
passa per palazzo Yacoubian

5 minuti di lettura

L’immagine dell’Egitto che al-Aswānī restituisce in “Palazzo Yacoubian” è di una società dominata dall’ipocrisia: un Paese intrappolato nella sua rassegnazione quiescente, con un sistema corrotto in maniera capillare sin dentro al midollo.

YacoubianEgitto

«Dieci piani costruiti nel più classico stile europeo, con i balconi riccamente decorati di statue con i volti ellenici scolpiti nella pietra; le colonne, le scale, i corridoi tutti di marmo naturale e l’ascensore, di marca Schindler, uno tra i più moderni». Palazzo Yacoubian è un sontuoso tempio della posterità. Il primo proprietario, Hagub Yacoubian, aveva smanie da protagonista e desideri faraonici; la sua personale piramide fu un edificio costruito nel centro del Cairo, nella centralissima via Suleyman pasha, frutto della bravura e dell’ingegno di un notissimo architetto italiano. Animato da furore e supremo egocentrismo, Hagub fece scolpire il proprio cognome nella parte interna del portone, in lettere capitali, illuminato da una lampada al neon. Da allora, Yacoubian divenne sinonimo di regalità e ricchezza, tempio ed alcova dell’Egitto più occidentale: ministri, latifondisti, industriali e milionari ebrei transitavano tra le mura sontuosamente affrescate, Rolls Royce, Buick e Chevrolet avevano un posto d’onore nei garage sotterranei.

La rivoluzione del 1952, poi, spazzò via tutto; un colpo di battipanni pronto a levare la polvere accumulata, una palla di vetro con la neve che, dopo esser stata rivoltata, riporta tutto a un triste e piatto tappeto bianco artificiale. Ai ministri subentrarono i generali e, con questi, un’inarrestabile caduta di rango. Negli anni Duemila Palazzo Yacoubian divenne un crocevia di umanità disastrate, un accumulo di tipi di dubbio gusto e moralità; dal sottoscala alle terrazze, lustrascarpe e portinai occupano i locali divisi a metà divenuti angusti e appesantiti dall’odore di cibo aleggiante per le scale, politici corrotti e vecchi donnaioli trascorrono le giornate tra donne da consumare e favori da elargire. Il tutto, impietosamente, sotto la lente del potere di Hosni Mubarak.

Non è difficile intuire come un microcosmo così ben delineato rappresenti perfettamente la storia e l’evoluzione di un paese senza riferimenti. Un palazzo del Cairo come metafora dell’Egitto, una piramide moderna pronta a sgretolarsi in sabbia sotto il peso dei regimi e del fondamentalismo. Palazzo Yacoubian di ʿAlāʾ al-Aswānī è una rappresentazione spietata della realtà che non abbiamo voluto vedere, è un ritratto a tinte fosche di un Paese oppresso e torturato, vittima dell’ingiustizia quotidiana che, non potendo essere combattuta, trascina al fondo. Come sia sfuggito alla censura resta ancor oggi, a tredici anni dalla sua uscita, un mistero. Al-Aswānī, dentista-scrittore con studio proprio in Palazzo Yacoubian, è da sempre conosciuto come severo critico del regime di Mubarak e militante del movimento d’opposizione laica Kifaya. Con penna sferzante e una gran dose di coraggio, ha dato vita a un quadro dai colori pesanti, a un torbido ritratto che non può più far chiudere gli occhi su un potere oppressivo e durissimo che, per mero opportunismo, era stato spacciato agli egiziani come moderato e pro-occidentale. È nelle stanze di questo Palazzo dei fasti che furono che l’autore tratteggia vizi privati e pubbliche virtù, piccole ruberie e soprusi di ogni genere, che dal piccolo camiciaio bramoso salgono fino al capo della polizia corrotto, per arrivare al Presidente ricattabile e cieco davanti alle evidenze più nette. Nei dieci piani di un edificio decorato da statue di volti ellenici si consuma una commedia umana tragica e reale, figlia di una perdita di punti di riferimento e valori in cui credere.

Leggi l’articolo completo sul periodico cartaceo de “Il fascino degli intellettuali”. In libreria, in pdf o direttamente a casa tua.

Per ulteriori info e/o per acquistare:
https://www.frammentirivista.it/cartaceo 

Sfoglia l’anteprima

[product id=”17919″]

[product id=”17918″]

 

Ginevra Amadio

Ginevra Amadio nasce nel 1992 a Roma, dove vive e lavora. Si è laureata in Filologia Moderna presso l’Università di Roma La Sapienza con una tesi sul rapporto tra letteratura, movimenti sociali e violenza politica degli anni Settanta. È giornalista pubblicista e collabora con riviste culturali occupandosi prevalentemente di cinema, letteratura e rapporto tra le arti. Ha pubblicato tra gli altri per Treccani.it – Lingua Italiana, Frammenti Rivista, Oblio – Osservatorio Bibliografico della Letteratura Otto-novecentesca (di cui è anche membro di redazione), la rivista del Premio Giovanni Comisso, Cultura&dintorni. Lavora come Ufficio stampa e media. Nel luglio 2021 ha fatto parte della giuria di Cinelido – Festival del cinema italiano dedicato al cortometraggio. Un suo racconto è stato pubblicato in “Costola sarà lei!”, antologia edita da Il Poligrafo (2021).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.