Luigi Benedicenti: iperrealismo estremo

Luigi Benedicenti, nato a Chieri (Torino) nel 1948 e mancato nel 2015, è stato un pittore iperrealista. Dopo il diploma conseguito al liceo artistico, la sua carriera incomincia ad avere inizio negli anni ’70, grazie alle prime esposizioni. Nonostante il riscontro positivo della critica e del pubblico, decide di continuare a produrre in privato. Torna negli anni ’90, ed il successo è immediato. Espone in alcune delle gallerie più importanti d’Italia come Davico e Fogliato di Torino, sbarca negli Stati Uniti alla Bernarducci Meisel Gallery di New York, alla Scott Richards Contemporary Art di San Francisco, e in Inghilterra all’Albemarle Gallery di Londra. La natura morta del passato ha delle connotazioni ben precise, facilmente riconoscibili per lo sguardo odierno.

Gli oggetti del quotidiano

La fugacità del tempo e la caducità della vita sono senza dubbio i temi cardine di quest’arte. La fragilità si manifesta tramite il quotidiano. Impossibile non pensare alle opere del XVII secolo, come Canestra di frutta di Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, realizzata tra il 1594 ed il 1598, e divenuta una vera e propria icona.

Lo studio di Benedicenti trae ispirazione dal periodo storico del Caravaggio. Dietro la raffigurazione della pasticceria (in colori a olio su tavole in masonite), si celano ispirazioni antiche, volutamente rese moderne, al fine di aprire un dialogo più diretto con gli occhi dei contemporanei.

Leggi anche:
Arte povera: un atto di ribellione quotidiano

Per farlo, l’artista applica le tradizioni del passato al tempo presente, utilizzando come soggetto ciò che costella la vita di tutti i giorni, scatenando ricordi d’infanzia, e riportando la mente alle festose domeniche in cui la tavola era imbandita di leccornie ed impregnata di tradizione. In un’intervista dichiara:

Spero di comunicare le sensazioni e le emozioni dei piccoli piaceri quotidiani che io provo risiedendo in una cittadina italiana, circondato dai miei amici e dalla mia famiglia

Intervista riportata dal sito Things I Like Today, 26/8/2016

Luigi Benedicenti e la percezione del reale attraverso la tela

Tale confronto con l’arte del Seicento fa da linea del tempo, e dimostra quanto l’estetica possa mutare, mentre l’essenza talvolta rimane la stessa. Esiste una volontà anche più concreta e fisica in Luigi Benedicenti, un’attenzione che combacia esattamente con il suo studio minuzioso per i dettagli. Attraverso il suo iperrealismo, l’artista trasmette le stesse sensazioni percettive che l’osservatore avrebbe potuto provare soltanto vivendo i soggetti da lui rappresentati. La sfida che egli si pone, tentando la gola del curioso davanti alle sue opere, è quella di riuscire a farlo immergere in una realtà parallela, mostrandogli, in un istante che sembra congelato, la bellezza che si cela nelle cose apparentemente più comuni.

La natura morta segna il passaggio del tempo

La carriera di Benedicenti però dimostra che egli non si limita soltanto a questi soggetti. L’artista spazia raffigurando fiori nel pieno della loro bellezza, e corpi anatomicamente perfetti, inserendo riferimenti culturali di ogni tipo, e creando così un connubio interessante tra ciò che è stato e ciò che è. Sfogliando i suoi cataloghi, si trovano degli esempi. Bacco e Arianna (2009) mostra una figura femminile a fianco di una gigantesca tartelletta con l’uva, un chiaro riferimento al celebre mito greco.

Cena di Emmaus (1996-97) è il risultato dell’osservazione delle due omonime opere realizzate da Caravaggio a partire dal 1601 fino al 1606. Apartheid (2009) è una rappresentazione della discriminazione razziale dal 1948 al 1991 in Sudafrica. America 1492 (2011) raffigura il momento della scoperta di Cristoforo Colombo. Benedicenti compie tutto questo studiando ciò che gli si pone di fronte, trasformando la realtà storica in qualcosa di diverso, inserendo innovazioni tecniche, come i colori brillanti o particolari getti di luce. Le nature morte diventano protagoniste d’attimi imperdibili, il passato si sovrappone al presente, in opere capaci di inglobare questioni diverse.

Carlotta Salvalaggio Benedicenti

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Scopri di più.

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Redazione
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.