Mercatini di Natale: le città
si accendono di luci e tradizione

Dicembre è per la maggior parte delle persone sinonimo di Natale e Festa. In un clima teso come quello di questi mesi, non mancano lei polemiche anche su come debba essere festeggiato il Natale, festività cristiana, all’interno di una società multietnica e, quindi, estremamente diversificata nelle tradizioni, nella cultura e nella religione.

Tuttavia, il Natale non è solo la festa del Bambin Gesù, così come non è solamente marketing e pubblicità. A questo proposito, è sempre utile ricordare cosa scrive Charles Dickens (l’autore, per altro, del meraviglioso racconto A Christmas’ Carol) riguardo questa festa:

«Ho sempre pensato al Natale
come ad un bel momento.
Un momento gentile.
Caritatevole, piacevole
e dedicato al perdono.
L’unico momento che conosco,
nel lungo anno, in cui
gli uomini e le donne
sembrano aprire
consensualmente
e liberamente i loro cuori,
solitamente chiusi».

Una delle tradizioni natalizie che ridonano vita e fermento alle città è quella dei cosiddetti mercatini di Natale. La città si accende di luci e si ravviva con decorazioni, alberi e bancarelle, le strade sono pervase dai canti tipici della festività e dai profumi di cannella, cioccolata calda e vin brulè. Nonostante il freddo tipico della stagione, le piazze si riempiono di persone e ritrovano rinnovata energia. Quali sono le città che offrono la possibilità di vivere l’atmosfera natalizia dei tipici mercatini al meglio? 

Mercatini di Bolzano fonte: www.mercatinodinatalebz.it

Mercatini di Bolzano
fonte: www.mercatinodinatalebz.it

1. Bolzano
A Bolzano si può visitare il più bello ed il più antico mercatino di Natale d’Italia, che quest’anno compie 25 anni. Fu fondato, infatti, da alcuni organizzatori del mercato di Norimberga nel 1990 e da allora riscuote ogni anno un enorme successo. Le tantissime bancarelle sono illuminate solo da candele per rendere l’atmosfera più suggestiva possibile e ben 80 espositori presentano oggetti natalizi prodotti localmente; i tutto inserito nella suggestiva cornice delle Alpi altoatesine. Tra le tante cose, si può ammirare anche  il grande albero di Natale e il presepe, che verrà nuovamente rappresentato secondo il tradizionale allestimento alpino, ossia la Sacra Famiglia con bue e asinello sarà collocata all’interno di una vera e propria stalla in miniatura. Tra le novità più interessanti di quest’anno si può trovare l’iniziativa Un Natale di libri, in programma all’interno del mercatino di Bolzano dal 27 novembre al 19 dicembre. Saranno circa 12 gli scrittori, che interverranno per presentare al pubblico i loro libri: tra questi troviamo Susanna Tamaro, Claudio Magris e Gian Antonio Stella. Bolzano è la meta dei tradizionalisti, i puristi che saranno affascinati dalle tipiche casette in legno del Christkindlmarkt e dagli addobbi in vetro, legno e ceramica, al suono di bande e musiche popolari che allieteranno i fine settimana.

Mercatini di Natale a Trento Foto di Alessia Sartori ©

Mercatini di Natale a Trento
Foto di Alessia Sartori ©

2. Trento
Dal sapore mitteleuropeo, l’esposizione di Trento di quest’anno conta 92 casette in legno, che vendono prodotti di artigianato locale, dislocate tra Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti. Si possono trovare sculture in legno, pantofole in feltro, abbigliamento in lana (anche di alpaca!), candele in cera d’api, ma anche prodotti culinari tipici: dallo strudel al pane Bretzel, ai buonissimi canederli, la “treccia mochèna”  la “polenta brustolada”.  Durante la passeggiata tra le bancarelle sono moltissimi gli stands che offrono la possibilità di assaggiare i prodotti e sopratutto vengono venduti a poco prezzo buonissimi bicchieri di vin brulè “fatto in casa”, e di delizioso parampampoli (una bevanda bollente a base di caffé, vino, grappa, zuecchero e miele), da sorseggiare per riscaldarsi.

Stella Cometa all'Arena di Verona Fonte: http://www.forzearmate.org

Stella Cometa all’Arena di Verona
Fonte: http://www.forzearmate.org

3. Verona
A Verona il Natale accende la città di una luce spettacolare (ed a basso consumo energetico!). Oltre alle decorazioni che illuminano le principali vie della città, tre grandi abeti Natalizi accolgono chi arriva nei tre principali punti di ritrovo veronesi: Piazza Brà, Piazza Erbe e Corso Portoni Borsari. Per non parlare della caratteristica stella cometa che esce con la coda dall’Arena. Gli appuntamenti con i banchetti a Verona sono di due tipi. Uno in Piazza dei Signori, con il Mercatino di Norimberga: grazie al gemellaggio tra le due la città, Verona offre addobbi tipici, accompagnati da gulasch, crauti, zuppe d’orzo, grappe e distillati, torte di frutta secca e strudel con cannella. L’altro, molto più caratteristico, durante il fine settimana a ridosso della festa di Santa Lucia (13 dicembre): in occasione della Santa che porta i doni ai bambini con l’asinello ed il Castaldo, Piazza Bra si riempie delle tradizionali bancarelle di dolci e balocchi e, soprattutto, viene allestita l’intramontabile giostra dei cavalli. Molto caratteristica è anche la Rassegna Internazionale del Presepio nell’Arte e nella Tradizione all’interno dell’Arena,un’occasione unica per ammirare oltre 400 esemplari provenienti da tutto il mondo, anche da musei e collezioni private.

Mercatini di Natale Firenze Santa Croce Fonte: http://www.dreamingflorence.com

Mercatini di Natale Firenze Santa Croce
Fonte: http://www.dreamingflorence.com

4. Firenze
In Piazza Santa Croce vengono allestite le tipiche bancarelle nordiche, merito del gemellaggio con la città di Heidelberg. Per i più piccoli è da visitare la Florence Noël, mostra-mercato rigorosamente natalizia alla stazione Leopolda, dove abeti, vischio e ghirlande circondano espositori, la ricostruzione della Casa di Babbo Natale e il villaggio del cioccolato!

5. Torino
Qui i mercatini di Natale si svolgono nella bella cornice del Cortile del Maglio, una struttura aperta, ma riscaldata, nello storico quartiere di Borgo Dora. Si possono trovare composizioni floreali, sculture in argilla; e ancora, oggetti per la casa in ceramica, vetro e legno, ricami su stoffa, caldi maglioni provenienti dai paesi nordici e cappelli di feltro. Da non perdere anche il bel presepe, costruito da artisti locali nella splendida Piazza Castello: sfondo perfetto per una passeggiata notturna molto romantica.

Mercatini Oh Bej Oh bej Milano Fonte: www.milanolife.it

Mercatini Oh Bej Oh bej Milano
Fonte: www.milanolife.it

6. Milano
A Milano il Natale, dove è il rito ambrosiano a farla da padrone, si apre il 7 dicembre con i tradizionali mercatini “Oh Bej! Oh Bej!” (oh belli, oh belli!), il cui nome pare derivi dalle esclamazioni di gioia dei bambini milanesi che accettavano di buon grado i doni di Giannetto Castiglione, inviato papale, in occasione del suo ingresso in città nel 1510. Un tempo il mercatino si svolgeva intorno alla centralissima piazza dedicata a Sant’Ambrogio – patrono di Milano – e nelle vie adiacenti, ma dal 2006 è stato spostato in piazza Castello. Oltre al Castello Sforzesco si accendono le luci sui Navigli e viene allestito il tipico albero di Natale in Piazza Duomo.

Costanza Motta

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

One Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.