Nasce il Governo di Mario Draghi | Il fatto della settimana

Una squadra di 23 ministri e ministre darà vita al nuovo Governo guidato da Mario Draghi. Un mix tra “tecnici” e “politici” compone la nuova squadra che tra le sue priorità avrà senza dubbio la continuazione del piano vaccini e la gestione del Recovery Plan. Poche le conferme dei ministri uscenti: c’è però Roberto Speranza, al Ministero della sanità, in prima fila nell’emergenza Covid-19. 

Leggi anche
La crisi di Governo è ora in mano a Mario Draghi

Dopo giorni di incertezze, trattative e dialoghi tra le parti, la squadra è stata presentata alle ore 19.00 di questa sera, quando Mario Draghi, ex numero 1 della BCE durante la crisi della zona euro, si è recato al Quirinale e ha incontrato il presidente Sergio Mattarella comunicandogli la composizione del suo nuovo governo. Il giuramento è previsto per domani alle 12. 

Tra i ministeri ci sono alcune novità, come il ministero per la Transizione ecologica, andato a Roberto Cingolani, quello alla Transizione digitale, che sarà guidato da Vittorio Colao; e quello per la Disabilità, affidato a Erica Stefani.

Di seguito l’elenco completo dei ministri: Luciana Lamorgese – Interni; Marta Cartabia – Giustizia; Daniele Franco – Economia; Luigi Di Maio – Esteri; Giancarlo Giorgetti – Sviluppo economico; Stefano Patuanelli – Agricoltura; Roberto Cingolani – Transizione ecologica; Federico D’Incà – Rapporti con il Parlamento; Vittorio Colao – Innovazione tecnologica; Roberto Speranza – Salute; Andrea Orlando – Lavoro; Patrizio Bianchi – Istruzione; Enrico Giovannini – Infrastrutture; Dario Franceschini – Cultura; Renato Brunetta – Pubblica amministrazione; Maria Stella Gelmini – Affari regionali; Mara Carfagna – Sud; Elena Bonetti – Pari opportunità; Erika Stefani – Disabilità; Fabiana Dadone – Politiche giovanili; Massimo Garavaglia – Turismo: Lorenzo Guerini – Difesa; Cristina Messa – Università.

* * *

Italia o mondo. Che sia cronaca, politica o società, ogni settimana la Redazione Attualità di Frammenti Rivista sceglie per voi lettori “Il fatto della settimana”, quella notizia che proprio non potete perdervi. E poi vi dà anche qualche consiglio di lettura, direttamente dai nostri archivi. 
Il tutto, in meno di 300 parole.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.