Il silenzio e la malinconia: “Otto montagne” di Paolo Cognetti

Con Le otto montagne, Paolo Cognetti domina la vetta del premio Strega 2017, portando con sé Pietro, Bruno e la montagna. L’autore sussurra all’orecchio del lettore una dolcissima storia di complicità e amicizia tra due bambini, Pietro e Bruno, che diventano grandi insieme attraverso un viaggio di iniziazione. Ognuno dei due porta sulla pagina la propria famiglia – affidando particolare rilievo alla figura paterna e all’incombenza di questa nella crescita di ogni uomo -, le proprie esperienze e i propri sogni.Paolo Cognetti

Di estate in estate, dalla più acerba adolescenza alla più profonda maturità, l’autore presenta Pietro, insieme alla sua insicurezza, alla sua timidezza; Bruno, la sua forza e la sua riservatezza; la montagna, allo stesso tempo materna e matrigna per i due protagonisti, a questi legata dal silenzio. Il silenzio, quello profondo dei paesaggi alpini e quello solitario della valle. Chiunque abbia voglia di leggere finirà per condividere l’atmosfera silente che occupa il testo. E così come tutte le relazioni umane presenti nel romanzo sono descritte a filo di voce, quasi sussurrate, senza mai rivelarne troppi particolari e lasciando al lettore il compito di riallacciare le fila del discorso, allo stesso modo termina il romanzo, con estrema leggerezza, quasi come un soffio di fiato, come un ultimo sospiro di vita. Una vita intera, tutta narrata tra le pagine, che finisce sotto il peso della neve.Paolo Cognetti

Attraverso una prosa ricercata, che lascia scivolare sulla pagina la complessità dei rapporti familiari, a fare da reale protagonista – al di sopra degli stessi due uomini -, è la scrittura. Fittissime sono le descrizioni del paesaggio alpino con le vette e la neve e le baite e i fiumi e i sentieri scoscesi e gli avvoltoi e i cervi e la brina e le schiene ricurve degli allevatori e le mani callose dei montanari e le profonde rughe che segnano volti ancora troppo giovani per sembrare già così vecchi. Con uno stile squisitamente elegante la narrazione porta il lettore a percorrere una lunga salita, facendosi spazio tra le parole disposte in maniera accurata sulla pagina, come uno scalatore che debba scegliere il giusto appoggio per risalire la scalata. Un racconto che procede seguendo il movimento dal basso verso l’alto, dalla rassegnazione alla rinascita. D’altronde, come spiega il papà di Pietro all’inizio del romanzo, se si guarda un torrente di montagna, l’acqua corrisponde al tempo che passa. E le trote risalgono il torrente per trovare il cibo, fonte di vita. Allora il passato corrisponde al basso, al luogo in cui arriva l’acqua e il futuro corrisponde all’alto, alla foce. Ecco che Paolo Cognetti lascia in eredità al lettore una storia profondamente intimista e malinconica che, sul finale, mostra l’eco di una ritrovata speranza. Quasi che il destino di morte che si abbatte su Bruno, abbia scosso la coscienza di Pietro per regalargli un nuovo inizio.

 

A questo link trovate il blog di Paolo Cognetti, che è pieno zeppo di belle cose da leggere.

 

Floriana Ciccaglioni

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.