fbpx
roma città aperta

Perché «Roma città aperta» è ancora il film simbolo della Liberazione

3 minuti di lettura

A coloro i quali affermano che parlare oggi, ancora, di Roma città aperta sia operazione arcinota, è bene rispondere che esistono film che resistono al tempo, allo spazio e a qualsiasi retorica. La Settima arte ha dato vita a prodotti di pregio assoluto, offrendo un racconto della Resistenza pari – e a volte persino superiore– a quello dato dalla letteratura. Come ogni forma artistica che si rispetti, questa è stata in grado di evolversi negli anni, maturando forme narrative di volta in volta più mature, meno convenzionali, capaci di narrare il dramma della guerra con l’occhio al passato e un piede nel futuro.

La visione de La notte di San Lorenzo dei fratelli Taviani scuote ancora nel profondo coloro che, attraverso la rievocazione della strage del Duomo di San Miniato, hanno potuto sfiorare i pensieri e le paure della “povera gente” impegnata in un conflitto nel conflitto, con la fame che stringe alla gola e le spalle esposte agli attacchi del nemico. Era il 1982 e un nuovo corso narrativo si affacciava all’orizzonte. Eppure è proprio dagli anni “caldi” che escono i prodotti migliori, quando il presente si fa già storia e più che cogliere le cause ci si sofferma sugli effetti. Vivere in presa diretta gli eventi può causare shock e scosse emotive, ma rende possibile narrare con il cuore quel prato martoriato che, dopo anni di torture, ritorna a fiorire.

Roma città aperta nasce così, quasi d’impeto, a soli tre mesi di distanza dalla liberazione della capitale. È il 1944 e Roberto Rossellini, forse l’unico in grado di raccontare davvero la storia, realizza quella che sarà l’opera manifesto del Neorealismo e il ritratto più crudo e struggente dell’Italia liberata. Tra i resti e le macerie di una città ancora in guerra, il regista mostra senza filtri, nero su bianco (il nero dei corpi in movimento sul bianco dello sfondo, giacché per definizione il bianco è un non colore e contiene in sé tutti gli atri) le torture, i soprusi, le ferite di una guerra che si dipana tra i fotogrammi, rivelandosi mai così vicina anche a settant’anni di […] Continua a leggere su NPC Magazine

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Ginevra Amadio

Nata a Roma. Ama la letteratura, il cinema e la scrittura intesa come mezzo per diffondere liberamente il proprio pensiero.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.