fbpx
United States travel

Prepararsi per un viaggio negli Stati Uniti, cosa sapere

5 minuti di lettura

Un Paese dalle proporzioni enormi. Gli Stati Uniti contano ben 50 stati ed un distretto federale. Ci sono centinaia di milioni di persone ad abitarne il suolo e, dall’Italia, raggiungerlo non è esattamente facile. L’American Dream continua a stuzzicare migliaia di persone provenienti da tutto il mondo che visitano gli Stati Uniti per godere della commistione variegata di culture che li caratterizzano o per tentare di fare fortuna come le migliori storie raccontano.

Ovviamente, proprio a causa della lontananza, della grandezza del Paese e degli asset politici con cui i rapporti con l’estero vengono regolati in America del Nord, è opportuno programmare il proprio viaggio al meglio, in modo da prevenire qualunque rischio che, negli Stati Uniti, potrebbe rivelarsi più importante di quanto non sia realmente.

Sono diversi i fattori di cui occorre tener conto quando si viaggia verso gli Stati Uniti e, uno dei più importanti, riguarda sicuramente i documenti come il visto. A tal proposito, in tanti si chiedono cosa è l’esta: è possibile trovare maggiori informazioni e trovare il moduloonline suApplication-esta.us. Scopriremo di seguito, comunque, come organizzare un viaggio negli Stati Uniti nel migliore dei modi.

Prepararsi a viaggiare negli Stati Uniti step by step

Come già precedentemente accennato, per viaggiare negli Stati Uniti come turisti occorre ottenere il visto elettronico che ci permetterà di soggiornare sul suolo americano per tre mesi in un anno ed ha una valenza biennale. Occorrerà, poi, stilare una polizza medica di viaggio per coprire eventuali spese mediche durante la nostra permanenza negli USA valutando bene le varie offerte tra le compagnie dedicate.

A meno di viaggiare verso lo stato della Georgia, la patente di guida straniera in America è valida per tre mesi, permettendoci di guidare mezzi motorizzati senza problemi in 49 stati. Generalmente, il periodo migliore per viaggiare negli USA è la primavera o l’autunno, in modo di godere di un clima mite e ben bilanciato. Evitare i mesi di caldo tropicale e la stagione degli uragani è fondamentale per evitare complicazioni anche gravi.

Prepararsi ad un viaggio negli Stati Uniti significa tenere anche conto di come ci sposteremo durante la nostra permanenza. In linea di massima, il consiglio sarebbe quello di vivere l’America con un road trip, in modo da godere degli sconfinati paesaggi offerti dal Paese a stelle e strisce. Sarà possibile noleggiare un’auto solo con carta di credito. È possibile anche muoversi in bus, ma le spese per i biglietti, in caso di permanenze prolungate, supererebbero ampiamente quelle per il noleggio di un veicolo.

I servizi taxi uniti ai trasporti pubblici nelle grandi città potranno rivelarsi provvidenziali, ma nel caso in cui si voglia viaggiare alla scoperta dei parchi americani, la scelta migliore rimane l’auto. Prenotare le strutture in cui si alloggerà in anticipo è fondamentale, specie in alta stagione. Nei periodi di minore affluenza, invece, è possibile affidarsi all’istinto e cercare una struttura che ci ospiti sul momento.

Sono poche, poi, le compagnie telefoniche che offrono piani mobile turistici, ma generalmente la scelta ricade su T-mobile. I contanti negli USA sono un mezzo poco utilizzato, generalmente si opta per le carte di credito, eccetto che nelle zone rurali. Le soluzioni migliori per i viaggi all’estero sono Revolut ed N26. Infine, consigliamo di viaggiare in compagnia negli Stati Uniti, specie se in road trip. La mancia è obbligatoria nei ristoranti e la sanità può essere molto costosa. Consigliamo, poi, di utilizzare app come Google Maps e la sua modalità offline per pianificare i propri itinerari, GasBuddy per trovare i benzinai con i prezzi migliori e Uber nel caso in cui si voglia utilizzare un taxi in città.

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.