Proust e le madeleine: pubblicate bozze
de “La Recherche” che ne svelano l’origine

Marcel_Proust_1900CAMBREMER (FR) – Notizia esclusiva per gli amanti di Marcel Proust: per la prima volta le Editions des Saints-Pères hanno pubblicato gli autografi de À la recherche du temps perdu (Alla ricerca del tempo perduto), capolavoro dello scrittore francese.

I brogliacci, editi in un’edizione limitata da mille copie, sono preceduti da una prefazione dell’editore e scrittore Jean-Paul Enthoven in cui vengono raccontati i tormentati ripensamenti sui ricordi d’infanzia di Proust. Il cofanetto, di 268 pagine, è accompagnato dalla riproduzione in facsimile dei tre carnet Moleskine che corrispondono ai brogliacci delle tre tappe della scrittura e riscrittura dell’episodio della madeleine.

«La lettura dei tre carnet restituisce la tensione del momento più emblematico dell’universo proustiano» ha sottolineato Enthoven. «In particolare i brogliacci del 1907 permettono di soffermarsi sui dubbi che assalirono Proust durante la stesura, quando, giovane scrittore, ricordava con grande emozione il gusto del pane abbrustolito e spalmato di miele».

In una seconda stesura poi il pane abbrustolito divenne una fetta biscottata per trasformarsi poi – solo nella terza versione- nelle madeleine della zia, soffici dolcetti a forma a conchiglia. In Dalla parte di Swann, primo libro della Ricerca del Tempo perduto, a Marcel viene offerto del tè con delle madeleine, in una fredda giornata invernale. Quando le briciole e la bevanda calda inondano il suo palato, lui indietreggia, preso da una sensazione di piacere che attinge ai primi ricordi: è tornato al Combray, di domenica mattina, quando la zia Léonie gli offriva un infuso di tè. La felicità dell’infanzia si ravviva e, ad oggi, la madeleine proustiana è ancora sinonimo di ricordo che improvvisamente diviene tangibile.

Immagine: http://www.superschoppen.com/wp-content/uploads/2012/04/madeleine-tea.jpg

Immagine: http://www.superschoppen.com/wp-content/uploads/2012/04/madeleine-tea.jpg

G.A.

 

Redazione
Condividi:

2 Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.