fbpx
la ragazza di trieste romanzo

Erotismo e critica sociale: «La ragazza di Trieste»

Un appassionato romanzo d'amore, quello di Pasquale Festa Campanile, che unisce erotismo e critica sociale. Un'opera stratificata che si focalizza sul contrasto fra istinto e ragione.

3 minuti di lettura

Regista e sceneggiatore tra i più noti della nostra cinematografia, Pasquale Festa Campanile pubblica La ragazza di Trieste all’inizio degli Ottanta, ponendosi nel solco di una letteratura “piana”, ruotante attorno al bisogno di raccontare una storia. Il proposito – già esplicitamente dichiarato ne Il corpo (1972) da un altro maestro “spurio”, Alfredo Todisco – è sostenuto da un tesoro tematico in chiaro disequilibrio rispetto alla partitura stilistica, già concepita come piana e disadorna, pronta a diventare soggetto di film. A un primo sguardo, l’opera si presenta come un appassionato romanzo d’amore, ancora una volta giocato sulla differenza d’età, sulla passione travolgente di un uomo alle soglie dell’età adulta. Difficile assodare se l’accensione d’amore per una ventenne possa rappresentare un dono dal cielo o una dannazione perpetua.

Leggi anche:
«Il corpo» di Alfredo Todisco

La ragazza di Trieste di Festa Campanile tende a una dimensione ibrida, e lo fa attraverso una serie di richiami alla società consumistica, alla psicoanalisi freudiana, sino a edificare un’opera stratificata, infinitamente più complessa della struttura di partenza. La somma di meditazioni intimistiche, i sotterfugi, le fantasie erotiche, tutto contribuisce a un percorso figurativo che allude al contrasto tra istinto e ragione, tra senso del pudore e costrizioni borghesi.

Leggi anche:
Adolescenza e eros nei romanzi di Moravia e Cassola

Il personaggio di Dino, disegnatore di fumetti erotici, assomma in sé le contraddizioni di una società anestetizzata, che soffoca gli istinti fino a implodere e corre poi lungo i binari dell’ingestibile, in una masquerade di apparizioni e sparizioni che è il punto di rottura degli schemi, di ogni genere di convenzioni.

Nicole, conosciuta dopo un tentato annegamento, è in questo senso una voce della coscienza, un’apparizione quasi felliniana di Eros e Thanatos, che nel momento della concessione sparisce per sempre, in un ritorno all’acqua che è anche – per Dino – ritorno alla vita.

C’è un vantaggio, rifletté, nel mantenersi inafferrabili: se lui avesse il mio numero di telefono, se fosse sicuro di trovarmi quando vuole, si distrarrebbe, penserebbe ad altro. Nemmeno lui sa amare come si deve; bisogna forzarlo un poco, costringerlo a concentrarsi: deve pensare sempre a me. Non si rimproverava che Dino soffrisse: sapeva che egli avrebbe trovato qualche piacere anche nel tormentarsi per causa sua.

Così Nicole sparisce, come un fantasma passato, che rigenera l’oggi. È un equilibrio instabile tra desiderio e tormento. Una passione ossessiva, che distrugge per ri-costruire.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Ginevra Amadio

Ginevra Amadio nasce nel 1992 a Roma, dove vive e lavora. Si è laureata in Filologia Moderna presso l’Università di Roma La Sapienza con una tesi sul rapporto tra letteratura, movimenti sociali e violenza politica degli anni Settanta. È giornalista pubblicista e collabora con riviste culturali occupandosi prevalentemente di cinema, letteratura e rapporto tra le arti. Ha pubblicato tra gli altri per Treccani.it – Lingua Italiana, Frammenti Rivista, Oblio – Osservatorio Bibliografico della Letteratura Otto-novecentesca (di cui è anche membro di redazione), la rivista del Premio Giovanni Comisso, Cultura&dintorni. Lavora come Ufficio stampa e media. Nel luglio 2021 ha fatto parte della giuria di Cinelido – Festival del cinema italiano dedicato al cortometraggio. Un suo racconto è stato pubblicato in “Costola sarà lei!”, antologia edita da Il Poligrafo (2021).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.