fbpx
Placeholder Photo

Renzo Piano progetta una fabbrica di cultura
a due passi dal Cremlino

2 minuti di lettura

MOSCA – Come riportato da La Stampa e altri quotidiani nazionali, l’architetto e senatore a vita Renzo Piano ha presentato, nella capitale russa, un progetto ambizioso, atto a riqualificare una vecchia centrale elettrica a due passi dal Cremlino. La GES-2, ormai fabbrica di degrado urbano, diventerà grazie all’idea dell’archistar uno spazio per la produzione di cultura contemporanea, composto da museo, auditorium e sala di proiezioni, oltre a un laboratorio dove produrre e divulgare arte.

Durante la presentazione dell’impresa, in presenza del sindaco di Mosca Sergeij Sobianin e delle massime autorità cittadine, l’ex centrale ha visto accendersi il primo dei riflettori destinati a illuminare la città. Renzo Piano ha affermato che il progetto sarà realizzato grazie all’impegno della fondazione VAC di Leonid Mikhelson, numero uno di Novatek, colosso degli idrocarburi, e al lavoro di Teresa Iarocci Mavica, la curatrice italiana che si occupa della direzione artistica della fondazione.

«Ho cominciato la mia storia di architetto costruendo un museo come fosse una fabbrica, il Centre George Pompidou di Parigi, e oggi sono qui a Mosca davanti a una fabbrica dismessa, per far sì che produca energia culturale. La produzione di cultura è sempre riconciliazione, e noi dobbiamo essere costruttori di luoghi per la gente» ha detto con orgoglio Piano, promettendo che alle spalle del nuovo spazio sorgerà un bosco di betulle, volto a tenere insieme il massimo del contemporaneo e il massimo della tradizione.

Renzo Piano www.europaquotidiano.it
Renzo Piano
www.europaquotidiano.it

G.A.

 

 

 

Redazione

Frammenti Rivista nasce nel 2017 come prodotto dell'associazione culturale "Il fascino degli intellettuali” con il proposito di ricucire i frammenti in cui è scissa la società d'oggi, priva di certezze e punti di riferimento. Quello di Frammenti Rivista è uno sguardo personale su un orizzonte comune, che vede nella cultura lo strumento privilegiato di emancipazione politica, sociale e intellettuale, tanto collettiva quanto individuale, nel tentativo di costruire un puzzle coerente del mondo attraverso una riflessione culturale che è fondamentalmente critica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.