Salone del Libro 2019: tempo di bilanci

È tempo di bilanci per il Salone del Libro 2019.
Nonostante le polemiche, il Salone del Libro è stato – dati alla mano – un nuovo successo anche se sono ancora possibili ulteriori miglioramenti.

I dati positivi: crescono i visitatori e le vendite

Nonostante la campagna di boicottaggio pre-apertura, il Salone ha registrato 4mila visitatori unici in più rispetto all’edizione dello scorso anno.

Un dato interessante e sicuramente positivo, data la condizione attuale dell’editoria italiana che risente della massiccia presenza di lettori deboli, quelli che non leggono mai o quasi.

Salone del Libro 2019

Leggi anche:
Editoria italiana: si pubblica di più, ma quantità non è qualità

La crescita maggiore si è registrata tra i giovani, soprattutto tra i bookbloggers che hanno condiviso in diretta con i loro followers gli acquisti, gli incontri e gli eventi del Salone.

Equilibrio tra grandi e piccoli editori

Altro dato positivo è stata la distribuzione degli editori. La presenza delle più grandi case editrici (Mondadori, Einaudi, Adelphi, Sellerio) all’Oval – il nuovo spazio inaugurato quest’anno – ha permesso una più equa distribuzione degli editori negli altri padiglioni permettendo così che gli indipendenti non fossero messi in ombra dai giganti dell’editoria.

Leggi anche:
3 editori indipendenti al passo con i tempi

Salone del Libro 2019 Iperborea
Angolo dello stand di Iperborea [Foto di chi scrive©]

Dati negativi: scarsa organizzazione tematica tra gli stand

Se si è risolta la distribuzione degli stand per “ordine di grandezza”, è ancora caotica quella in base tematica.

Editori specializzati in fantasy collocati vicini a quelli horror e altri casi simili non aiutano il visitatore in cerca del libro adatto alle sue esigenze. Questo porta i visitatori meno organizzati a visitare gli stessi stand; di norma quelli degli editori più grandi e conosciuti.

Fonte: facebook.com/fazieditore

Una distribuzione in base tematica degli stand potrebbe invece essere un vantaggio sia per i lettori che per gli editori. I lettori potrebbero essere in grado di andare “sul sicuro”, scoprendo magari nuovi piccoli editori specializzati nel settore; gli editori potrebbero in questo modo emergere dalla folla caotica delle case editrici rivolgendosi ad un pubblico selezionato, con gusti affini, che non giunge allo stand per caso e poi se ne va in cerca d’altro.

Il mio blog

Sofia Fabrizi

Pubblico approfondimenti letterari per il blog di Caravaggio Editore e coordino la redazione di Letteratura di questa rivista. Nel mio blog Gli Appunti di Hermione (disponibile su WordPress, Facebook e Instagram) racconto i protagonisti della cultura occidentale. Studio Lettere Moderne presso l'Università di Siena, quando non scrivo qua e là.
Sofia Fabrizi
Il mio blog
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.