Sogno o son desto?

Sogno o son desto? Tutti avremmo voluto fosse stato un brutto sogno quello al risveglio dell’ennesimo giorno di quarantena, in pieno lockdown: la pandemia è stato l’incubo peggiore che potessimo avere. Malgrado ciò, le interminabili settimane abbandonati a gozzovigliare riversi nel letto (personal trainer e runner improvvisati sul web a parte) hanno risvegliato, nell’animo di buone parte di noi, quei sogni sopiti ma mai dimenticati.

Il fenomeno dei sogni è stato addirittura studiato: tanti, più lunghi, più vividi, perfino più ricordati. E questo perché il Covid avremmo anche cercato di tenerlo fuori di casa, ma ha comunque varcato la soglia del nostro labile inconscio. E poi avevamo tutto il giorno per dormire e sognare, dormire e sognare, e così abbiamo dormito e sognato, alterando la nostra routine più di quanto non lo fosse già. Forse perché la realtà ci spaventava, e allora abbiamo vissuto dentro i nostri sogni.

Dal canto suo, con la psicoanalisi Freud, e in seguito Jung, hanno sempre sostenuto che essi altro non fossero che la voce del nostro profondo subconscio: non sono forse i sogni, desideri? In Sogno O.Henry,  pseudonimo di William Sydney Porter, scrive di quanto in realtà  «psicologia e scienza brancolino nel buio» nel tentativo di spiegare l’essenza del «fratello gemello della morte: il sonno», tentativo a cui egli stesso cercherà di non soccombere. Si limiterà a raccontare del sogno di Murray, un criminale che, nel braccio della morte con l’accusa di omicidio perpetrato ai danni della compagna in seguito a rabbia e gelosia, vive l’avvicinamento al momento della sentenza con incredibile calma e sconcertante spensieratezza, concludendone l’arrivo con un insanabile dubbio: è stato tutto un errore? È tutto un sogno? O. Henry si è distinto per l’uso sagace della parola condito da sano umorismo e finali a sorpresa capaci di irretire il lettore.

Nondimeno Franz Kafka, nel suo Un sogno, racconta dell’incubo, termine più appropriato, di K.: sogna la sua stessa morte, con tanto di fossa, lapide e scritta impressa. Egli si avvicina al cimitero affascinato da questa insegna quasi luccicante, dorata, venendo a scoprire solo una volta sepolto che quello riportato è il suo nome. Solo allora si sveglia. I sogni d’altronde si accostano spesso a noi come mondi più o meno realistici ma affidabili: solo più tardi si paleserà la felice o triste sorpresa.

Quest’ultima si ravvisa nel Sogno infinito di Bao Ru: tratto da The Dream of the Real Chamber di Cao Xuequin, autore del  romanzo Honglou meng (Il sogno della camera rossa) e considerato il capolavoro della narrativa cinese, descrive lo sgomento e il senso di smarrimento del protagonista che non viene riconosciuto dalle sue ancelle e si imbatte in un’altra versione di sé: questo triste senso di perdita perseguiterà il sognatore anche dopo il risveglio. L’incapacità di discernere il reale dall’irreale gravita anche nella nostra dimensione onirica fino a sfociare in un sentimento di inadeguatezza che ci porta a chiederci se stiamo realmente sognando oppure no. Talvolta invece incappiamo nei cosiddetti sogni premonitori, o presunti tali.

Leggi anche:
Il sogno d’amore: fenomenologia di una lunga presa in giro

Lo sapeva bene Maghrebi, un ricco uomo del Cairo protagonista di Storia di due che sognarono, tratto da Geschichte des Abbassidenchalifats in Aegypten di Gustav Weil, orientalista, arabista e filologo tedesco. Persa tutta la sua ricchezza in merito all’abbondante generosità, altrettanto fiducioso, egli si mette alla ricerca del tesoro promessogli dal suo inconscio che, tra varie peripezie e inevitabili sofferenze, riuscirà ad acquisire. Allah lo premia; difficile dire possa accadere lo stesso anche noi.

Poi si vorrebbe pure sognare da svegli, perché no. L’uso di droghe allucinogene e psichedeliche favorisce questo processo e ne allieta lo spirito con false visioni idilliache. Così argomenta la sua tesi il medico all’interno del racconto Sogni di Guy de Maupassant di fronte ad uno scrittore e tre ricchi scapoli nullafacenti. Alla visione nichilista e triste di una vita ingorda di futili piaceri che questi gli propongono, il medico contesta con l’assunzione dell’etere: non è una droga come le altre già elargite e conosciute, ma è comunque capace di concedere una nuova visione dell’esistenza, superiore e ricca, piena e mai concupiscente nelle sue piccolezze spesso ignorate.

Quattro brevi esempi letterari per leggere come l’ambito del sogno sia stato indagato e approfondito, non solo da un punto di vista psicologico e scientifico.

Che i nostri sogni siano sempre degni di penna.

Noemi Adabbo


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Redazione
Condividi: